giovedì, 3 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Somministrazione, il piano

Somministrazione, il piano

-

Da lunedì prossimo, per svolgere l’attività di somministrazione, i titolari dovranno essere in possesso della certificazione di destinazione d’uso funzionale per i locali destinati all’uso commerciale. Per i locali che sono già sede di attività autorizzate ai sensi della vecchia legge sui pubblici esercizi, la certificazione sarà confermata d’ufficio mentre per i nuovi locali, per i quali il titolare della licenza dichiarerà la presenza degli specifici requisiti urbanistico funzionali, la destinazione d’uso funzionale di somministrazione sarà concessa in seguito.

Per coloro che esercitano attività di somministrazione di alimenti e bevande su suolo pubblico, in strutture temporanee, in virtù di un’autorizzazione amministrativa di occupazione di suolo pubblico, privi di agibilità (ex cap. IX del R.E.) possono proseguire l’esercizio dell’attività, a patto che rispettino i requisiti igienico-sanitari e sempreché siano in possesso del titolo abilitativo di commercio alimentare su area pubblica. In alternativa, l’impresa può trasferirsi entro un anno dall’entrata in vigore del presente “Piano di Somministrazione” in unità immobiliari aventi destinazione d’uso commerciale con funzione di somministrazione.

Da lunedì prossimo gli uffici della Somministrazione della Direzione Sviluppo Economico, situati in piazza Artom, saranno a disposizione degli imprenditori per illustrare i dettagli del nuovo piano. Gli uffici saranno aperti il lunedì ed il mercoledì dalle 9 alle 13 il giovedì dalle 15 alle 17. Telefonicamente, il martedì ed il giovedì dalle 10 alle 12. Gli operatori risponderanno allo 055/3283525. Per ulteriori informazioni, è possibile scaricare dal sito internet del Comune di Firenze http://www.comune.fi.it/opencms/opencms/amm/index.html nella sezione “In Evidenza”, sia il testo del nuovo piano che degli allegati.

 

Ultime notizie

Cosa cambia e cosa succede con il nuovo Dpcm dal 4 dicembre 2020

Spostamenti tra regioni, coprifuoco, negozi, apertura dei ristoranti, palestre e feste in casa a Capodanno: cosa cambia dopo il 4 dicembre con l'uscita del nuovo Dpcm e con il decreto legge Natale

Coprifuoco anche a Natale e Capodanno: nuovo Dpcm, orario più lungo

Coprifuoco alle 22 anche durante le feste, comprese le notti di Natale, vigilia e Capodanno. Il nuovo decreto non salva né il cenone della vigilia né il veglione di San Silvestro

Spostamenti tra comuni, nuovo Dpcm di Natale: regole dopo il 4 dicembre

Le regole per le feste natalizie. "Disincentivare gli spostamenti tra regioni e limitare gli spostamenti tra comuni anche in zona gialla", annuncia il ministro della Salute Speranza

Nuovo Dpcm di dicembre in Gazzetta Ufficiale: quando esce il testo (pdf)

Il governo è al lavoro sulle misure per le prossime feste natalizie. In arrivo il testo definitivo