domenica, 17 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Sos scuola. Aumentano i tagli

Sos scuola. Aumentano i tagli

Sos scuola. Il Ministero dell'istruzione e della ricerca ha annunciato un'ulteriore riduzione dell'organico, che si aggiunge al taglio dii 1400 posti nella scuola toscana, già precedentemente annunciato. L'assessore Simoncini si è detto preoccupato per questo taglio aggiuntivo.

-

ULTERIORE RIDUZIONE DELL’ORGANICO NELLA SCUOLA TOSCANA. Nuova perdita di insegnanti nella scuola toscana; a settembre si assisterà pertanto ad una riduzione di oltre 1700 posti. E’ il Ministero dell’istruzione e della ricerca ad annunciarlo, con una circolare dei primi di luglio.

PREOCCUPATO L’ASSESSORE SIMONCINI. Molto preoccupato per il provvedimento, l’assessore all’istruzione formazione e lavoro Gianfranco Simoncini: «Il ministero nel prevedere l’organico di fatto, cioè quello basato sulla reale situazione al momento della riapertura delle scuole, ha pensato a un ulteriore ritocco in negativo del numero di posti. La riduzione complessiva nella nostra regione per il 2009-2010 sarà quindi non più di 1400 ma di 1719 insegnanti in meno».

IN AUMENTO IL NUMERO DEGLI ALUNNI. La riduzione dell’organico appare ancor più paradossale e preoccupante, secondo l’assessore, se si considera che l’anno prossimo il numero degli alunni aumenterà. Sulla base dei dati delle preiscrizioni, che dovranno essere confermati, gli alunni dovrebbero aumentare da 446 mila a oltre 453 mila, con un incremento di oltre 7 mila unità.

Particolarmente grave la situazione della scuola dell’infanzia, per la quale le richieste sono numerosissime e le liste d’attesa molto lunghe. «La circolare è molto secca – afferma Simoncini – dice che, dal momento che la scuola dell’infanzia non è obbligatoria, non si ritiene che la presenza di domande in esubero debba determinare un aumento del numero delle sezioni. In altre parole, arrangiatevi».

LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE. «Tutto ciò è ancora più grave – prosegue Simoncini – di fronte alla sentenza della Corte Costituzionale che accoglie il ricorso presentato dalle Regioni e ribadisce che la competenza sulla programmazione scolastica è delle Regioni. Non è un caso che la circolare sia uscita alla vigilia delle sentenza e faccia finta che il problema non esista».

L’INCONTRO TRA GLI ASSESSORI A ROMA. L’assessore Simoncini ha partecipato ad un incontro tenutosi a Roma fra gli assessori all’istruzione delle Regioni, che si sono detti soddisfatti per la sentenza e hanno riaffermato la necessità di una immediata applicazione delle disposizioni del titolo V della Costituzione sulla scuola, che delega alle Regioni le competenze in materia di programmazione e la cui applicazione è stata fortemente limitata per la mancata assegnazione delle risorse.

LE RICHIESTE DELLE REGIONI AL GOVERNO. Le Regioni chiedono al Governo le competenze amministrative sul personale e criteri certi nel rapporto fra insegnanti e studenti. All’ufficio di presidenza della conferenza delle Regioni è stato invece chiesto di sollecitare un incontro con il ministro Gelmini nel tentativo di aprire un confronto su questa questione.

Ultime notizie

Fiorentina, prima volta allo stadio Maradona

La Fiorentina sfida il Napoli nel lunch match di domenica: le probabili formazioni. Commisso rinuncia allo stadio

In quanti in macchina, regole del nuovo Dpcm sulle persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid

Centri commerciali aperti o chiusi nel weekend: regole del Dpcm

Shopping pre-saldi a ostacoli. In zona gialla e arancione tutti i negozi possono stare aperti, ma nel weekend scatta la chiusura dei centri commerciali (con qualche deroga)

Quante persone possono partecipare ai funerali: il Dpcm Covid e le regole

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti, per cosa scatta il divieto, quali sono le deroghe secondo il Dpcm