mercoledì, 2 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Spiagge libere, le regole per...

Spiagge libere, le regole per l’estate 2020 della Regione Toscana

Mascherina, distanza tra gli ombrelloni ma niente prenotazione: l'ordinanza 61 della Regione Toscana detta le regole per le spiagge libere

-

Mascherina, distanza tra gli ombrelloni, pulizie e sport, ma niente prenotazione: ecco le regole da seguire sulle spiagge libere della Toscana per l’estate 2020, linee guida stabilite oggi dalla Regione con l’ordinanza 61.

Mascherina e igiene: le linee guida per le spiagge libere della Toscana

Prima regola: adeguare i comportamenti a tutte le misure di prevenzione e alle norme generali vaide a livello nazionale. Nelle spiagge libere restano in vigore le stesse regole di base di tutti gli altri luoghi, come stabilito nelle linee guida nazionali.

Compreso l’obbligo di pulizia frequente delle mani, richiamato esplicitamente nell’ordinanza 61 della Regione Toscana.

Mare in Toscana: l’ordinanza anti-Covid per spiagge, camping e hotel

Sarà obbligatorio avere la mascherina: va portata con sé e indossata in ogni occasione in cui non sia possibile mantenere la distanza interpersonale.

Distanza e sport nelle spiagge libere, cosa dice l’ordinanza della Regione Toscana

A proposito di distanziamento, le linee guida precisano che anche nelle spiagge libere della Toscana vale l’obbligo di mantenere almeno 1 metro tra le persone, anche se la Regione raccomanda una distanza di 1,80 metri. Sarà compito dei genitori vigilare affinché i figli minori mantengano la distanza dalle altre persone. L’obbligo non vale, naturalmente, tra persone conviventi.

Tra gli ombrelloni si dovrà rispettare una distanza di almeno 4 metri. Per quanto riguarda invece lettini, sedie, sdraio e le altre attrezzature da spiaggia, dovranno essere posizionati ad almeno 1,50 metri.

Vietati gli sport e i giochi di gruppo che possono creare assembramenti. Gli sport di squadra come beach volley e beach soccer saranno consentiti, ma nel rispetto di quanto disposto dalle istituzioni competenti.

È suggerita, ma non obbligatoria, la presenza di un addetto alla sorveglianza. Si occuperò di vigilare sul rispetto delle regole di prevenzione e sorveglierà sulla pulizia e disinfezione dei servizi eventualmente presenti.

Anche i Comuni sono chiamati a fare la loro parte, predisponendo tutto il materiale informativo necessario, in italiano e in inglese, per far conoscere ai bagnanti le regole da rispettare.

Il testo completo dell’ordinanza 61 della Regione Toscana si trova qui, mentre qui è disponibile l’allegato 3 che contiene le regole per le spiagge libere.

Ultime notizie

Covid, in Toscana 776 nuovi casi: il bollettino del 2 dicembre

I dati dal bollettino della Regione sui contagi di Covid in Toscana al 2 dicembre 2020: nuovi casi, andamento e punto della situazione

Cashback, bonus di Natale 2020: come funziona, l’app IO e lo Spid

A dicembre un rimborso da 150 euro per chi fa shopping nei negozi fisici e paga con le carte elettroniche o con il cellulare: ecco come richiederlo e a cosa serve l'app

Il concerto di Antonio Artese, dal Museo Marino Marini al web

Il Museo Marino Marini e l'Istituto Italiano di cultura di Oslo insieme per il concerto del maestro Artese, ispirato alle opere dell'artista

Messa di Natale 2020 anticipata prima di mezzanotte: l’orario di inizio

La santa messa della vigilia fa i conti con il coprifuoco. La Cei: va celebrata, ma si può fare qualche ora prima