mercoledì, 7 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Strade riaperte e nuovi lavori

Strade riaperte e nuovi lavori

Da qualche giorno via Belisario Vinta e via delle Cinque Vie sono di nuovo transitabili. Sono infatti terminati in anticipo rispetto alla tabella di marcia i lavori di asfaltatura e di completamento di risanamento idraulico realizzato da privati. Rinviati invece i lavori in via dell'Agnolo e via Montebeni.

-

Sono dunque stati posticipati per problemi tecnici occorsi alla ditta i lavori in via dell’Agnolo inizialmente previsti per domenica e lunedì scorsi. L’intervento alla rete di distribuzione elettrica verrà effettuato domenica 26 e lunedì 27 luglio con le stesse modalità: ovvero la chiusura della strada da viale Giovine Italia a via della Mattonaia con orario 6-18 nella giornata di domenica e fino alle 10 lunedì.

Rinviati sempre per ragioni tecniche i lavori, sempre alla rete elettrica, in via di Montebeni. Invece di lunedì 20 l’intervento prenderà il via oggi, giovedì 23 luglio con chiusura della strada da via Vincigliata a via Ontignano. E oggi saranno attivati i semafori lungo la linea 1 della tramvia nel tratto dal confine comunale a via Foggini.

Ultime notizie

Palawanny, ci siamo. Entro un anno la nuova casa de Il Bisonte volley

Stavolta sembra essere la volta buona: lavori al via, palazzetto pronto per la prossima stagione. Con un progetto che guarda lontano

Quando si può togliere la mascherina senza rischiare una multa

Mentre si attende il nuovo dpcm, alcune Regioni hanno già stabilito l'obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto: ma quando si può stare senza? E come comportarsi se si corre e si va in bici?

Giornate Fai d’autunno 2020: a Firenze e in Toscana 33 luoghi aperti

Da un micro-teatro, alla quercia monumento, fino a 3 vagoni da Oscar. I più interessanti luoghi da visitare in Toscana per le Giornate Fai di autunno, che nel 2020 si svolgono su 2 weekend

Eike Schmidt: “I miei Uffizi per tutti”

Intervista al direttore degli Uffizi. "La nostra missione? Educare e diffondere: lo facciamo dal Settecento”