domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Tir finisce in un torrente,...

Tir finisce in un torrente, 32mila litri di metanolo nell’acqua

Un tir, finendo fuori strada sulla A12 in provincia di Lucca, ha sversato 32 mila litri di metanolo nelle acque di un torrente. Attivati i processi di bonifica.

-

Danno ambientale nel lucchese.

L’INCIDENTE. Un tir che trasportava 32mila litri di metanolo, è finito fuori strada sull’A12, e il liquido si è sversato nel torrente Trogola, in provincia di Lucca, affluente del Lago di Massaciuccoli. Sono state avviate subito le operazioni di bonifica per prevenire l’inquinamento ambientale. Il metanolo per questo saràtravasato da una squadra speciale dei Vigili del Fuoco di Padova.

ANGELINI. ”A seguito della chiamata siamo intervenuti subito – spiega il Commissario del Consorzio di Bonifica, Fortunato Angelini -. Il rischio maggiore è di inquinamento ambientale, che si può verificare durante le operazioni di travaso del metanolo, che se dovesse sfuggire al controllo, attraverso la rete dei canali Berlinca, Paladini e Torbiere raggiungerebbe facilmente il Lago di Massaciuccoli con danni incalcolabili per l’ambiente”.

LE OPERAZIONI. Sul posto due squadre del Consorzio sono a lavoro, nonostante pioggia e freddo, per chiudere una sezione di 200 metri del canale Trogola e svuotare dall’acqua la parte del canale dove giace il tir ribaltato. Con l’escavatore sono state effettuate quelle che in gergo si chiamano “ture”, per isolare il tratto del corso d’acqua che sara’ messo in secca con una pompa mobile in grado di togliere fino a 500 litri al secondo.

Ultime notizie

Elezioni regionali Toscana 2020, affluenza alta: alle ore 12 è del 14,67%

I dati sull'affluenza alle urne alle ore 12 del 20 settembre per le elezioni regionali 2020 della Toscana: aggiornamenti alle ore 19 e 23

Fiorentina-Torino, le immagini della gara

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: affluenza al 12,25% alle ore 12

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid