venerdì, 7 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & Politica''Togliete quel cartellone'', il crocifisso...

”Togliete quel cartellone”, il crocifisso pubblicitario fa ancora discutere

Pitti Uomo ha chiuso i battenti ma le polemiche non si spengono. E i cartelloni pubblicitari di Carlo Chionna, con lo slogan "Dio Salvi il Made In Italy" e un Cristo in croce, tappezzano ancora le strade cittadine. Oggi arriva in consiglio comunale una mozione ad hoc per tirarli giù.

-

Pitti Uomo ha chiuso i battenti ma le polemiche non si spengono. E i cartelloni pubblicitari di Carlo Chionna, con lo slogan “Dio Salvi il Made In Italy” e un Cristo in croce, tappezzano ancora le strade cittadine. Oggi arriva in consiglio comunale una mozione ad hoc per tirarli giù.

OFFESA. “Il cartellone pubblicitario della casa di moda Carlo Chionna – dichiara il consigliere comunale Giovanni Fittante (Idv) – va immediatamente rimosso in quanto offensivo per tutti i cattolici e non solo”.

D.S.M.Y. “E’ legittima la libera attività imprenditoriale ma credo – continua Fittante – che ci sia un limite a tutto. Particolarmente offensiva, infatti, è la scritta sulla croce D.S.M.I. (Dio salvi il Made in Italy) al posto di I.N.R.J. Per cui mi rivolgo al Sindaco – conclude Fittante – affinchè intervenga con urgenza per far rimuovere tali pubblicità per rispetto di tutti i cittadini cattolici che si sentono offesi da tali immagini. A tal proposito presenterò un apposita mozione affinchè in futuro non si ripropongano campagne pubblicitarie offensive nei confronti di qualsiasi religione, istituzione o dignità della persona”

Ultime notizie