martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Toscana, cresce la raccolta differenziata....

Toscana, cresce la raccolta differenziata. E diminuiscono i rifiuti

Nel 2011 sale di ben due punti la raccolta differenziata in Toscana. Dati positivi, ma non del tutto: se nel 2012 si vuole raggiungere il 65% nazionale, il lavoro da fare è ancora tanto. Il comune di Firenze, ad esempio, entra nella classifica dei comuni più efficenti solo per un pelo.

-

Sale la raccolta differenziata in Toscana, ma la strada per raggiungere la quota fissata in Italia per il 2012 è ancora lunga.

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Sale di ben due punti rispetto all’anno precedente il dato che attesta la raccolta differenziata in Toscana e arriva a quota 42,21%, confermando l’andamento positivo iniziato nel 2008. “Il trend della raccolta differenziata è positivo – commenta l’assessore regionale all’ambiente e all’energia Anna Rita Bramerini – ma i dati che emergono dimostrano che ancora molto c’è da fare e che siamo ancora lontani dall’obiettivo nazionale che fissa la raccolta differenziata al 65% nel 2012”.

I RIFIUTI. Ma non è tutto perché sono positivi anche i dati sui rifiuti: la loro produzione nel 2011 è diminuita significativamente, col dato pro capite che è passato da seicentosettanta a seicentotrenta chili per abitante. Anche il dato assoluto di produzione di rifiuti urbani, pari a circa due milioni di tonnellate, è in sostanziale diminuzione rispetto al 2010 (-5,6 %).

L’EFFICENZA. Per il 2011 il risultato migliore in termini di efficienza della raccolta differenziata è stato quello dell’Ato Toscana centro (province di Firenze, Pistoia e Prato) che, con il 47,42%, ha superato per la prima volta l’obiettivo del 45% di raccolta differenziata previsto dal decreto legislativo del 2006. Seguono l’Ato Toscana costa (province di Livorno, Lucca, Massa e Pisa) con il 42,40% e l’Ato Toscana sud (province di Arezzo, Grosseto e Siena) con il 38,11%. A livello provinciale l’obiettivo di legge è stato superato dalle province di Firenze (49,55%), Lucca (48,92%), Prato (48,45%) e Siena (46,46%), mentre è ancora al 30% di raccolta differenziata la provincia di Grosseto (30,05%).

I COMUNI. Secondo i dati certificati, i comuni toscani che hanno superato l’obiettivo del 45%  di raccolta differenziata sono novantacinque, tra questi, ventuno hanno superato anche l’obiettivo del 65% previsto per il 2012. Addirittura nove hanno superato l’85%, traguardo che testimonia l’attenzione particolare che quella amministrazione comunale dedica alla raccolta differenziata. Il comune di Firenze risulta essere l’ultimo in classifica tra i novantacinque comuni, perché rientra preciso nella percentuale del 45%.

COSA E QUANTO. In Toscana nel 2011 si sono raccolte in forma differenziata e avviate a riciclaggio duecentonovantasette mila tonnellate di carta e cartone (32% del totale RD), duecentoventotto mila tonnellate di rifiuti organici (25%), centosette mila tonnellate di sfalci e potature (11%), sessantasei mila tonnellate di legno (7%), novantadue mila tonnellate di vetro (10%), trenta mila tonnellate di metallo (3%), quarantotto mila tonnellate di plastica (5%), ventuno mila tonnellate di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (2%), circa nove mila tonnellate di altri rifiuti ingombranti (1%), sette mila tonnellate di stracci (1%), e circa duemilatrecento tonnellate di rifiuti urbani pericolosi (ad esempio pile esaurite).

Ultime notizie

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, una tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Quante persone al ristorante? Il numero massimo previsto dal nuovo Dpcm

Il nuovo Dpcm 24 ottobre dice che possono sedere allo stesso tavolo del ristorante non più di 4 persone, con una sola eccezione: cosa cambia con le nuove regole

Nuovo Dpcm ottobre 2020: il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Chiusura delle palestre, "coprifuoco" anticipato per bar e ristoranti, semi-lockdown senza blocco degli spostamenti tra regioni: cosa prevede il testo del nuovo Dpcm di ottobre pubblicato in Gazzetta Ufficiale