Lo aveva impietosito, e convinto a prestarle del denaro, raccontandogli di versare in gravi condizioni economiche. Tutto era iniziasto nel 2007. Da allora è stato un continuo susseguirsi: la donna chiedeva, muovendo a compassione l’anziano prelato, e lui dava. Poche centinaia di euro, fino a oltre 3 mila.

Nei mesi scorsi, dopo l’ennesima richiesta, il prete ha denunciato l’episodio. A quel punto la donna non ci ha visto più. E non ha esitato a minacciarlo, e a tentare di estorcergli ancora soldi. L’ultima richiesta, pochissimi giorni fa, di mille euro. Allora il prete la ha accompagnata in banca e le ha staccato un assegno, chiamando però il 113.

Il conto corrente non aveva però liquidità, e questo è bastato a far saltare i nervi alla donna, un’altra volta ancora. Lo ha minacciato di far scoppiare uno scandalo. E proprio a quel punto sono intervenuti gli agenti della volante, e poi il personale della mobile.

Una volta ricostruito il tutto, la donna è stata accompagnata in Questura. Le sue pretese le sono costate l’arresto per estorsione.