“Incontrarci in giardino”. E’ l’iniziativa che si è svolta ieri pomeriggio, nel giardino della sezione femminile del carcere di Sollicciano. Erano presenti l’assessore all’accoglienza e integrazione Lucia De Siervo, il presidente del Quartiere 4 Giuseppe D’Eugenio, l’assessore provinciale Stefania Saccardi, il direttore del carcere Oreste Cacurri, il provveditore regionale dottoressa Maria Pia Giuffrida e le associazioni promotrici dell’incontro, l’Arci provinciale di Firenze e Nosotras.

“Il Comune di Firenze, con le molte attività trattamentali garantite (corso di danza, corso di musica, attività ginnica) – ha spiegato l’assessore all’accoglienza e integrazione Lucia De Siervo – contribuisce a far sì che il periodo di detenzione delle persone nei carceri fiorentini sia periodo di sconto della pena, ma non di abbandono della comunità. Solo investendo sulle persone otterremo una società più sicura“.

L’Arci gestisce per le amministrazioni locali gran parte delle attività trattamentali che si svolgono in carcere e l’associazione Nosotras è impegnata da anni nella promozione e nel sostegno delle donne immigrate. L’iniziativa, consistita in un aperitivo aperto alla cittadinanza, preparato dalle detenute, è stata organizzata grazie all’Arci di Firenze, in collaborazione con l’associazione Nosotras, il Comune di Firenze e la Provincia di Firenze. Tra le varie attività che si sono tenute nel giardino anche uno spettacolo di danza popolare, dove hanno partecipato alcune detenute che hanno frequentato il corso durante l’anno.