mercoledì, 27 Maggio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Un milione di euro al...

Un milione di euro al Maggio

Per compensare i tagli del governo la Provincia dona un milione di euro alla Fondazione Teatro del Maggio Fiorentino. Questa la decisione annunciata oggi al Teatro Comunale di Firenze dal presidente della Provincia, Matteo Renzi.

-

Il contributo è stato reso possibile, come hanno sottolineato Renzi e Preti, grazie ai tagli sulle spese sul bilancio della Provincia “come ad esempio la riduzione di auto presenti nel parco macchine dell’Ente. I dipendenti della Provincia ora si muovono utilizzando le auto in car sharing che sono condivise con i cittadini”.

“La Provincia crede fortemente al ruolo del Maggio per Firenze e per il territorio, per questo abbiamo deciso di aumentare di circa il 40% il nostro contributo alla Fondazione, portandolo a un milione di euro”, ha affermato il Presidente della Provincia.

“Di questo siamo grati alla Provincia di Firenze  – ha aggiunto il maestro Zubin Mehta – ma occorre che la stessa sensibilità sia dimostrata da altri enti. In particolare ci aspettiamo che il Governo vari al più presto norme che permettano l’ingresso dei privati”.

 

Notizia precedenteBiglietto unico per 17 teatri
Notizia successivaNuovi servizi anagrafici

Ultime notizie

Ecco com’è fatta Immuni. Sperimentazione al via in tre regioni

Il "tour" della prima versione di Immuni in un video: com'è fatta e come funziona l'app. Il ministro Speranza: "Siamo alle battute finali"

Coronavirus, la mappa del contagio in Toscana

Tutto quello che c'è da sapere sull'andamento dei casi di Covid-19 nella nostra regione: la mappa, i nuovi contagi, i dati per provincia pubblicati nel nuovo bollettino della Regione

Coronavirus, in Toscana solo 3 casi. Il bollettino del 26 maggio

Mai così pochi dal 2 marzo. Aumentano i guariti: le ultime notizie di oggi, 26 maggio, sul contagio da coronavirus in Toscana

Election day: regionali in Toscana e referendum il 20 – 21 settembre

Un'unica tornata elettorale per le elezioni regionali (Toscana e altre sei regioni), le comunali e il referendum: si va verso l'election day