venerdì, 25 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaUn pezzo di Toscana in...

Un pezzo di Toscana in Cina, nasce borgo ‘made in Tuscany’

Un borgo completamente 'made in Tuscany' sta per nascere in Cina, nella città di Hailin, vicino al confine russo con la Siberia. Architettura, tecnologia, materiali, armonia nella progettazione, sostenibilità, tutto a 'Tuscan life', questo il nome del borgo, ricorderà la nostra regione e le case, gli uffici, gli ospedali e i musei saranno realizzati secondo criteri caratteristici toscani.

-

Stamani in Palazzo Vecchio è stata firmata l’intesa che stabilisce tempi e procedure per creare la join venture incaricata di costruire il villaggio. A firmare, alla presenza del vicesindaco Dario Nardella, il Consorzio toscano cooperative rappresentato dal presidente Marco Bonciolini, esponenti del governo locale cinese e Pan China, terza impresa di costruzioni cinese. Il progetto, che avrà il suo cardine nel settore dei beni cullturali, si estenderà su 800mila metri quadri, con lavori divisi in tre lotti che partiranno nel 2011 e si concluderanno in tre anni. Un grande edificio sarà dedicato proprio ad ospitare la cultura toscana con mostre ed esposizioni.

Si tratta, ha detto Nardella, di “una straordinaria opportunità economica e culturale per il nostro territorio e siamo particolarmente contenti di ‘patrocinare’ questa intesa”. “Oggi – ha detto Ma Li, governatore di Hailin – si chiude un lavoro di due anni e si apre una nuova fase questo progetto potrà diventare un ‘ponte’ fra le nostre terre“.

Ultime notizie