sabato, 4 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaUn quartiere a misura di...

Un quartiere a misura di bimbo? La parola passa alle mamme

Viaggio nelle strade di Isolotto e Legnaia per capire cosa va e cosa no. Tra i servizi che una famiglia cerca ci sono asili, scuole, aree giochi, ludoteche e negozi per i più piccoli. E in particolare sotto quest'ultimo punto di vista in molti sostengono di non potersi lamentare: sono tanti i punti vendita (anche di seconda mano) per i bebè.

-

Una delle priorità per chi va a vivere in un nuovo quartiere è spesso la presenza di servizi quali supermercati, farmacie, aree verdi. Non solo, si fa molta attenzione anche all’esistenza, nella zona, di scuole per i figli (quando se ne hanno), aree giochi e quanto di più utile per mamme e bambini.

LA “PROVA”. Ma il quartiere 4 è a prova di mamma? Cosa cerca una madre per sé e per i propri figli nella zona in cui abita? Sicuramente negozi che vendano di tutto un po’ per i bambini, dai vestitini ai biberon e alle culle. Importante anche la presenza di scuole, ludoteche e giardini, con aree ludiche dove portare i figli. E sotto più punti di vista il quartiere 4 è considerato da diversi cittadini un quartiere “a prova di mamma”, grazie proprio alla presenza di molti servizi rivolti alle famiglie. Nessuna mancanza, infatti, per quanto riguarda i negozi “ad hoc”.

NEGOZI E NON SOLO. Sono tanti i punti vendita dedicati ai bebè e in generale all’infanzia, distribuiti sia all’Isolotto che a Legnaia e Soffiano. Negozi in cui i genitori possono trovare tutto l’occorrente per la crescita dei propri figli. Dallo storico negozio Rosazzurro, in cui le mamme si possono sbizzarrire tra passeggini, giocattoli e corredini per neonati, a Baby Bazar, negozio dell’usato per i più piccoli dove trovare – in perfetto stato – tutto ciò che occorre alla crescita di un bambino. Fino al dicembre scorso era presente sul territorio dell’Isolotto anche il Bazar dei Piccoli, altra attività che si occupava della compravendita di articoli per l’infanzia, che dopo quindici anni di aiuti alle mamme del quartiere ha chiuso i battenti. “Come mamma non mi posso lamentare, il nostro è un quartiere fornito benissimo da questo punto di vista – commenta una signora con il figlio nel passeggino – ci sono tra l’altro tante scuole, asili nido, anche le ludoteche dove portare i bambini”. La presenza di asili nido e scuole materne dove portare i propri bimbi è infatti considerata di grande importanza da tutti i genitori, come del resto i giardini. Nel quartiere 4 se ne possono contare diversi, a partire dai più grandi e conosciuti, come il parco di Villa Vogel, in cui si possono trovare spazi per i bambini con tanto di altalene, scivoli e castelli di legno, ma anche una pista da pattinaggio e una giostra per il divertimento dei più piccoli.

SPAZI. Spazi per i bambini sono disseminati poi per tutto il quartiere: in molte strade è possibile trovare piccole aree giochi recintate in cui le mamme possono far correre e far divertire i propri figli tranquillamente. Inaugurata recentemente, a novembre 2010, una delle ultime aree ludiche predisposte nel quartiere, in viale dei Bambini, proprio nel cuore dell’Isolotto, dove sono stati sistemati giochi e attrezzature. In linea di massima i genitori (e in particolar modo le mamme della zona) si sentono ben servite e assistite: non ci sono troppe critiche mosse a causa di problemi legati all’esser mamma nel quartiere 4. “Difficoltà? A esser sincera non mi pare di averne avute – dice una neomamma – anzi, mi pare che rispetto ad altri quartieri di Firenze il nostro proponga servizi adatti alle esigenze di tutte noi”. Considerato di grande importanza, inoltre, lo spostamento – accanto alla BiblioteCanova – della ludoteca “La carrozza di Hans”, un servizio rivolto ai bambini e ai ragazzi fino ai 14 anni e ai loro genitori, in cui è possibile giocare in ambienti appositamente attrezzati e partecipare ai laboratori e alle attività proposti.

Ultime notizie