Firenze più buia (per un giorno) nel nome del risparmio energetico. La città oggi aderisce infatti a “M’illumino di meno”, con diverse iniziative in programma, come lo “spegnimento” dalla Torre d’Arnolfo di Palazzo Vecchio per un’ora, a partire dalle 18.50. Anche l’impianto del piazzale Michelangelo (candelabri e statua del David) verrà spento a partire dalle 18,50 per 15 minuti con un risparmio di 2,5 kW. Ritardo anche nell’accensione delle luci in città dell’impianto variabile, circa il 45 per cento dell’illuminazione cittadina, che scatta quando fa buio, che entrerà in funzione alle 18.10 invece che alle 17.55 con un risparmio di circa 800 kWh.

Per quanto riguarda le iniziative organizzate dall’assessorato alla partecipazione democratica, è prevista alle 18 di oggi (su prenotazione al numero 055.587706) la visita guidata alle nuove tecnologie per il risparmio energetico utilizzate nella nuova sede dello Sportello EcoEquo in via dell’Agnolo 1/c. Personale tecnico specializzato accompagnerà i cittadini nel corso della visita e fornirà notizie sugli incentivi e sul funzionamento delle tecnologie utilizzate presso lo sportello. I locali dello Sportello sono dotati di pannelli solari termici per assorbire il calore del sole e attraverso un apposito scambiatore accumularlo in un serbatoio inerziale; di pannelli fotovoltaici capaci di fornire sino ad 1 kW. di energia elettrica da gestire in parallelo con la rete pubblica effettuando lo scambio sul posto.

La Silfi e l’Assessorato all’ambiente fanno inoltre sapere che per il 2009 sono previsti due interventi sul risparmio energetico che ridurranno i consumi di energia per 293.574 kWh all’anno, equivalenti ad una riduzione di 197 tonnellate di emissioni di anidride carbonica sempre all’anno. Uno riguarda la sostituzione di 423 corpi illuminanti con una riduzione del 36 per cento dei consumi annui (meno 40 kW della potenza impegnata e meno 123.840 kWh con riduzione di 83 tonnellate all’anno di anidride carbonica). L’altro è sugli gli impianti semaforici, con la sostituzione di 312 lanterne e la trasformazione di 936 lampade ad incandescenza con led che ridurranno i consumi annui di energia dell’84 per cento consentendo un risparmio di 169.734 kWh all’anno e la riduzione di 114 tonnellate di CO2.