venerdì, 4 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Una bomba d'acqua su Firenze:...

Una bomba d’acqua su Firenze: città in tilt. ”Rientrato l’allarme Mugnone”

Il Mugnone a rischio esondazione. L'allarme maggiore nella zona di piazza Puccini: zona chiusa al traffico. La Protezione Civile: ''Tutta la popolazione limitrofa al Mugnone si deve recare ai piani alti delle abitazioni''.

-

Maltempo, a Firenze è allarme per il Mugnone (nelle foto il Mugnone nella zona delle Cure).

MUGNONE. La Provincia di Firenze comunica una situazione di forte criticità in atto per quanto riguarda il torrente Mugnone a Firenze in zona Piazza Puccini-Via Tartini in corrispondenza dei lavori di RFI. I tecnici della Direzione Difesa del Suolo hanno dichiarato la fase di piena. La zona, in accordo con il Comune di Firenze, è già stata chiusa al transito. L’invito per la cittadinanza è quello di limitare al massimo gli spostamenti. La Sala di Piena della Provincia di Firenze è stata aperta per monitorare la situazione complessiva dei corsi d’acqua, con particolare attenzione a questa criticità.

AI PIANI ALTI. “Zona del Mugnone – Tutta la popolazione limitrofa al Mugnone si deve recare ai piani alti delle abitazioni”, scrive la protezione civile su Twitter.

Mugnone3

EMA. Secondo la segnalazione dell’assessore Massimo Mattei sarebbe esondato l’Ema.

CHIUSI I SOTTOPASSI. La Protezione Civile del Comune di Firenze, la Polizia Municipale e Publiacqua stanno presidiando le varie aree allagate, sono stati chiusi al traffico i sottopassi Perfetti-Ricasoli, 11 agosto e Gignoro, oltre all’area attorno al torrente Mugnone in zona piazza Puccini-via Tartini in corrispondenza dei lavori di RFI.

RENZI. Il sindaco Renzi interviene dalla sua pagina Facebook. “Publiacqua, Protezione civile e Polizia municipale – scrive –  sono in piena attività in tutta la città per gli allagamenti di queste ore. Se avete delle segnalazioni da fare, chiamate lo 055055”.

Mugnone4

BOMBA D’ACQUA. “Bomba d’acqua imprevedibile: previsti dai 20 ai 60mm in 24h, dalle 13.40 alle 17.30 caduti 64mm. Il picco alle 16”: lo annuncio l’assessore comunale all’mbiente Caterina Biti.

A1 IN TILT. In tilt anche l’autostrada A1 con lunghe code e traffico rallentato tra Firenze Sud e l’uscita di Impruneta. E’ Autostrade per l’Italia a comunicarlo con una nota. Per lle forti precipitazioni di queste ore, destinate a intensificarsi nella notte, d’intesa con  la polizia stradaleè stata diposta la chiusura della semicarreggiata esterna in direzione Bologna per limitare la velocita’ dei veicoli.

AUTOBUS IMPRIGIONATI. Anche gli autobus sono bloccati nel caos cittadino. Sono segnalati diversi semafori in tilt, con allagamenti in diverse zone della città, compreso il centro storico. Il trasporto pubblico, così come quello privato, è bloccato.

LE STRADE. Dal suo profilo Twitter la protezione civile di Firenze dà l’elenco delle vie interessate dall’allarme Mugnone: Via Pistoiese, Via Baracca dal 239 ad inizio, via Ponte alle Mosse, Porta al Prato, Fosso macinante, Via delle Cascine, Via Tartini, Via Boito, Via del Barco, Via Vespucci.

IL SOTTOPASSO DELLE CURE (foto di Vieri Merlini):

CureSottopasso

MUGNONE IN MIGLIORAMENTO. Situazione del Mugnone in miglioramento, in questo momento non occorre salire ai piani alti ma restare in casa: lo dice la Protezione Civile.

ORE 18,46. RENZI. “La situazione maltempo a Firenze è costantemente monitorata. Ci preoccupa adesso l’onda di piena del Mugnone, prevista tra 40 minuti. La riunione dei volontari della campagna elettorale al Palacongressi sarà coordinata da Roberto Reggi perché io preferisco restare in Palazzo Vecchio a presiedere l’unità di crisi. La trasmissione Porta a Porta che vedrete stasera su Rai Uno sulle nostre proposte economiche per il Paese – andrà in onda ugualmente perché è registrata. Segnalazioni comunali allo 055.055 o anche su questa pagina. Grazie a tutti cittadini e lavoratori comunali per lo straordinario sforzo di queste ore”: lo scrive Renzi su Facebook.

ORE 18,55. ZONA STATUTO. Nella zona dello Statuto la protezione civile è passata sotto le abitazioni con una vettura avvertendo con l’altoparlante di stare ai piani alti perché è prevista l’ sondazione del Mugnone.

ORE 19. ATAF: ”TUTTE LE LINEE IN RITARDO”. Intorno alle 19 l’Ataf comunica che dsi stanno registrando ritardi per tutte le linee dei bus. “A causa del violento nubifragio che si è abbattuto su Firenze, nel pomeriggio si sono verificati allagamenti in varie zone della città con conseguenti blocchi del traffico dovuti a interruzioni e chiusure di molte strade” si spiega in una nota. “Le zone più colpite sono state viale Belfiore/via G. Monaco, il sottopasso di via Perfetti Ricasoli, via delle Carra e via dei Serragli, ma il traffico è andato in tilt in tutta la città provocando ritardi per tutte le linee Ataf”. “I passeggeri  – continua la nota – hanno subito ritardi anche di oltre un’ora, per via dell’impossibilità di transitare in molte strade e anche a causa delle interruzioni di energia elettrica che hanno provocato lo spegnimento dei semafori. Ataf, che ha avvisato gli utenti attraverso il proprio sistema di pannelli a messaggio variabile, si scusa per i disagi”.

PUBLIACQUA. Squadre di Publiacqua con ditte esterne e autobotti sono al lavoro dal primo pomeriggio in emergenza assoluta in tutta la Toscana centrale, e lo saranno anche in nottata, per gestire le criticità e ridurre soprattutto i disagi causati dalla bomba d’acqua, inaspettata e non prevista, che ha colpito Firenze. Al numero verde dell’azienda (800.314.314, attivo 24 ore su 24) sono arrivate segnalazioni da molte zone della città: Via Mariti, Pistoiese, Baracca, Ponte alle Mosse, Coluccio Salutati, Rocca Tedalda, Serragli, Filarete, della Torre, Largo Palagi e Piazza Muratori. “Abbiamo risposto a centinaia di chiamate e gestito insieme alla Protezione Civile, Comune, Polizia Municipale e Ufficio Difesa del Suolo della Provincia la criticità del torrente Mugnone che scorre nella zona di Piazza Puccini-via Tartini”. “Abbiamo aumentato al massimo il livello di attenzione e di intervento di prevenzione per prevenire gli effetti di  piogge che anche domani potrebbero essere violentissime e concentrate nel tempo e mettere a durissima prova sistemi fognari come quello fiorentino lungo circa 300 chilometri e in parte risalente al periodo ottocentesco e da ristrutturare con ingenti investimenti già definiti per circa 10 milioni di euro nella zona di viale Belfiore-Cascine. Considerato il numero elevatissimo di caditoie (62.000 a Firenze e 252.000 in totale nei 49 comuni) facciamo appello anche ai cittadini perché anche la caduta delle foglie come la presenza di oggetti può provocare un tappo in pochi minuti e causare allagamenti. Un piccolo gesto aiuta moltissimo a ridurre i rischi. In ogni caso chiamate il numero verde 800314314”, dice Erasmo D’Angelis, presidente di Publiacqua.

ORE 19.30. PROTEZIONE CIVILE: Il torrente Mugnone è sceso sotto il livello di guardia. Viabilità: la SR2 è chiusa per frana in località S.Casciano; la SP 80 è chiusa a Certaldo tra via di Poppiano e località Fornacette. La SP54 è chiusa al km 4 per frana. Sulla SP551 tra Vicchio e il Forteto la viabilità è ridotta a causa di una frana. Si raccomanda prudenza alla guida.

ORE 19.40. “ALLARME MUGNONE RIENTRATO”. “L’allarme Mugnone rientra. Manteniamo l’allerta ma la protezione civile ha lavorato bene sulla prevenzione. Confermata Unità di Crisi a 21h”: così il sindaco Renzi su Twitter.

ALTRE FOTO DEL MUGNONE in zona Statuto (foto di Sara Camaiora):

MugnoneCamaiora

MugnoneCamaiora2

La foto del Mugnone come è solitamente:

MugnonePrima

Ultime notizie

Cosa cambia e cosa succede con il nuovo Dpcm dal 4 dicembre 2020

Spostamenti tra regioni, coprifuoco, negozi, apertura dei ristoranti, palestre e feste in casa a Capodanno: cosa cambia dopo il 4 dicembre con l'uscita del nuovo Dpcm e con il decreto legge Natale

Coprifuoco anche a Natale e Capodanno: nuovo Dpcm, orario più lungo

Coprifuoco alle 22 anche durante le feste, comprese le notti di Natale, vigilia e Capodanno. Il nuovo decreto non salva né il cenone della vigilia né il veglione di San Silvestro

Spostamenti tra comuni, nuovo Dpcm di Natale: regole dopo il 4 dicembre

Le regole per le feste natalizie. "Disincentivare gli spostamenti tra regioni e limitare gli spostamenti tra comuni anche in zona gialla", annuncia il ministro della Salute Speranza

Nuovo Dpcm di dicembre in Gazzetta Ufficiale: quando esce il testo (pdf)

Il governo è al lavoro sulle misure per le prossime feste natalizie. In arrivo il testo definitivo