giovedì, 28 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Una raccolta di libri per...

Una raccolta di libri per i terremotati dell’Emilia

L'iniziativa, organizzata dal Comune di Rignano, si chiama ''Libera un libro per i terremotati''. Si possono donare volumi per bambini e adulti: ecco come fare.

-

Un libro per le popolazioni dell’Emilia colpite dal terremoto.

LA RACCOLTA. E’ la raccolta organizzata dal Comune di Rignano. Perché, nella tragedia del terremoto, anche molte biblioteche pubbliche sono andate distrutte.

I LIBRI. E allora, chi lo vorrà potrà fare la sua parte donando un libro. Si raccolgono sia libri per bambini che per adulti.

DOVE PORTARLI. I libri che saranno donati – viene spiegato – devono essere in ottimo stato. Per partecipare all’iniziativa c’è tempo fino alla fine di luglio. I libri possono essere portati al mercatino missionario dell’associazione La Formica, in via Mazzini 5, il mercoledì e sabato dalle 15,30 alle 19, o all’associazione Chernobyl, in via Garibaldi 11, il martedì e giovedì dalle 10 alle 12.

Ultime notizie

Che colore siamo oggi: zona e colori per le regioni d’Italia (28 gennaio)

Zona gialla, arancione o rossa: che colore siamo oggi (28 gennaio) nelle regioni d'Italia? La mappa e le regole per ogni zona e i territori che si candidano per il cambio di colore

Uber Eats arriva a Scandicci, Sesto, Campi e Prato (non solo a Firenze)

Dopo il successo dell'app di food delivery a Firenze, i rider di Uber Eats entrano in servizio anche a Scandicci, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio e Prato. Dalla pizza al sushi, ecco da quando parte la consegna a domicilio

Smart working 2021, fino a quando nella pubblica amministrazione e per i privati

Per i privati continua il lavoro agile "semplificato", mentre si pensa a una proroga in extremis per la pubblica amministrazione a febbraio: ecco fino a quando dura lo smart working

Cashback 2021: importo minimo e rimborso massimo per ogni transazione

Le regole sull'importo minimo e massimo perché una transazione sia valida per il cashback 2021. E ci sono già i primi furbetti che "moltiplicano" le transazioni pur di ottenere più rimborsi