Prima la storia, finita sul Corriere della Sera, di Ahmed, 13enne egiziano, che si è imbarcato in un viaggio della speranza verso l’Italia pur di trovare medici per curare il fratellino Farid, 7 anni, affetto da una grave forma di piastrinopenìa e impossibilitato a proseguire le cure nel Paese di origine.

Poi l’annuncio, per bocca dall’assessore alla Sanità della Regione Toscana: “L’ospedale fiorentino di Careggi è pronto ad accogliere e operare il piccolo Farid. La direzione dell'azienda ospedaliera e il professor Marco Carini hanno dato la loro disponibilità a prendere in carico il bambino. Con i programmi di cooperazione sanitaria internazionale – ha detto ancora – nei nostri ospedali accogliamo e curiamo tanti bambini che vengono da altri Paesi. Lo faremo anche per Farid”.

La raccolta fondi per Farid

Nei prossimi giorni Farid e la sua famiglia arriveranno in Italia e adesso scatta anche una raccolta fondi.  A lanciare la “colletta” per Farid è stata la Fondazione Careggi Onlus, con il contributo iniziale dei medici e dei professionisti della stessa struttura ospedaliera. E’ possibile contribuire con una donazione, facendo un bonifico in favore di:

“Fondazione Careggi Onlus”
IBAN IT13D0867302805042000420393
causale: Aiutiamo Farid.