venerdì, 7 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaUna settimana di sconti (e...

Una settimana di sconti (e spettacoli) per gli universitari

Al via martedì prossimo “Firenze cum laude”, una settimana densa di spettacoli,incontri, musica, visite e sconti, grazie alla nuova “Carta Giò-IO studio a Firenze”, lanciata da Comune e ateneo per aprire la città ai circa 70mila giovani italiani e non che studiano tra le “mura” cittadine.

-

 

Al via martedì prossimo “Firenze cum laude”, una settimana densa di spettacoli,incontri, musica, visite e sconti, grazie alla nuova “Carta Giò-IO studio a Firenze”, lanciata da Comune e ateneo per aprire la città ai circa 70mila giovani italiani e non che studiano tra le “mura” cittadine.

MAGGIO A 5 EURO. Il via ufficiale alla serie di eventi sarà martedì 21 settembre con il Maggio Musicale Fiorentino, che aprirà la sua attesa stagione sinfonica con “Summertime”, suite dall’opera “Porgy and Bess” di Gershwin: il concerto sarà aperto agli studenti dell’Università di Firenze e a quelli delle tante Università americane, a cui è riservato un prezzo speciale di 5 euro.

IL GRAN FINALE. Il gran finale sarà lunedì 27 settembre, una iniziativa al Palazzo Giovani (dove ha sede la Casa della Creatività, per intendersi) per il lancio del progetto denominato provvisoriamente ‘Link’, in gran parte affidato all’autogestione da parte delle associazioni che si occupano di studenti, e delle scuole che si offriranno di organizzare presso il centro i loro progetti extra curricolari.

LA CARTA SCONTI. Accanto a questa serie di eventi, il lancio della nuova “Carta Gio – Io studio a Firenze”, che dà diritto ad una lunga serie di sconti e facilitazioni per concerti, corsi, acquisti, accesso a piscine e impianti sportivi; in particolare, con Ataf è stato raggiunto un accordo per l’estensione dello sconto riservato agli studenti a tutti i giovani fino a 25 anni, mentre il Maggio Musicale praticherà uno sconto del 10% sugli spettacoli, oltre all’invito alle prove aperte fino ad esaurimento posti. La carta darà anche diritto di cenare al Palazzo Giovane a prezzi contenuti.

APPUNTAMENTO ANNUALE. “Un’edizione zero, un esperimento che potrebbe preludere a un momento annuale di attenzione per Firenze città di studi e di studenti – spiega l’assessore all’Università Cristina Giachi – Perché vorremmo che emergesse questa identità di Firenze come città universitaria, popolata ogni anno da migliaia di studenti, sede di prestigiose istituzioni di istruzione universitaria italiane e straniere”.

Ultime notizie