mercoledì, 30 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Si possono vedere gli amici...

Si possono vedere gli amici da lunedì 18 maggio?

Una visita o una pizza con gli amici: l'ipotesi è sul tavolo del governo. In arrivo il nuovo decreto per il secondo step della fase 2

-

È una voce che circola insistentemente da ore: da lunedì 18 maggio si possono vedere gli amici per una visita o un pranzo in bar e ristoranti. Si tratta però solo di un’ipotesi allo studio. Il governo e la maggioranza, dopo l’apertura alle visite ai “congiunti” (che si possono fare dall’inizio della fase 2), stanno adesso definendo il nuovo decreto sulle misure per il contenimento del coronavirus che entrerà in vigore il 18 maggio: tra i nodi da sciogliere anche se permettere o meno alle persone di incontrare gli amici, finora esclusi dalla definizione di “affetti stabili”.

Sempre da lunedì dovrebbe scattare la riapertura di negozi, bar e ristoranti, in base a ordinanze delle singole Regioni. La decisione sul dpcm arriverà entro il fine settimana, ha fatto sapere il Ministro della Salute Roberto Speranza. Slitta invece in avanti l’ok agli spostamenti tra le regioni, come spieghiamo in questo articolo, un aspetto di cui si parlerà meglio tra qualche settimana, quando sarà definita la situazione dei contagi nelle diverse zone d’Italia.

Coronavirus e fase 2: lunedì 18 maggio posso vedere gli amici?

Come detto si tratta solo di un’ipotesi di lavoro sul nuovo dpcm, quello che definirà il secondo step della fase 2, da lunedì prossimo: secondo le indiscrezioni riportate dalle agenzie di stampa e dai principali quotidiani, alcuni ministri sarebbero contro il via libera agli spostamenti per fare visita agli amici. Rimarrà comunque la possibilità di incontrare i congiunti (parenti fino al sesto grado, fidanzati e affetti stabili), eventualità che è permessa ma indossando la mascherina e rispettando le distanze di sicurezza di almeno un metro.

Cosa si può fare dal 4 maggio e cosa no

Quando sarà possibile la riapertura bar e ristoranti

Nel nuovo decreto dedicato alle misure per il contenimento del coronavirus, arriverà il via libera ai governatori delle Regioni che potranno stabilire autonomamente la riapertura di negozi, bar e ristoranti dal 18 maggio. Sui territori ci dovrà essere un basso indice di contagio e i locali dovranno seguire le raccomandazioni contenute nel protocollo di sicurezza dell’Inail per il mondo della ristorazione. E quindi tavoli distanziati con almeno 4 metri quadrati a disposizione di ogni cliente, mascherina obbligatoria per cuochi e camerieri e per i clienti (eccetto durante il pasto, è ovvio), no all’aperitivo con buffet.

Ultime notizie

Gli effetti del coronavirus su Firenze (e le prospettive per il futuro)

Dall'overturism all'azzeramento dei flussi. I problemi dell'export e la zavorra della burocrazia. Intervista al professor Aiello, economista e docente dell’Università di Firenze

Collaboratori sportivi, arriva il bonus da 600 euro per giugno 2020

Pubblicato, dopo più di un mese di ritardo, il decreto attuativo: come funziona l'indennità e come fare domanda alla società Sport e Salute

Trekking: la rinascita della “Via degli Dei”, da Firenze a Bologna

Da Bologna a Firenze a piedi, attraversando l’Appennino: è la Via degli Dei, un percorso dalla storia millenaria. Firmato un protocollo per promuovere il turismo slow

Il rischio di sospensione del campionato di Serie A per i positivi Covid

Dopo i 14 giocatori del Genoa risultati positivi al coronavirus ci si interroga su come mettere in sicurezza il mondo del pallone