“Dopo il riconoscimento delle Bandiere blu arriva un ulteriore primato per la Toscana del mare: anche le Vele Blu 2008 ci vedono infatti come leader del mare di qualità. E’ l’ennesimo trionfo della nostra Regione che del suo ambiente naturale può farsi vanto in tutto il mondo. Questi riconoscimenti ci riempiono d’orgoglio ma aumentano anche le nostre responsabilità per il futuro dove conterà sempre di più la grande industria legata al turismo ecocompatibile e alla qualità del territorio, alle produzioni tipiche e alla gestione del patrimonio culturale, settori che da sempre garantisco gran parte della ricchezza toscana”. Questo il commento di Erasmo D’Angelis (Pd), presidente della commissione Ambiente e Territorio del Consiglio Regionale all’assegnazione delle Vele Blu 2008, scelte da Legambiente e Touring Club Italiano, che vedono la Toscana in testa insieme con la Sardegna, ma con l’Isola del Giglio a guidare la classifica.

“Il successo del nostro mare – spiega D’Angelis – dovuto all’ottima sostenibilità, alla tutela dell’ecosistema terrestre e costiero e alla particolare attenzione al verde pubblico, alla raccolta differenziata e alla mobilità sostenibile, deve spingere le nostre amministrazioni a fare ancora meglio e a mantenere l’ambiente al centro dell’agenda politica e di Governo. Dobbiamo migliorare la depurazione, le raccolte differenziate dei rifiuti, le aree pedonali nelle città, le piste ciclabili, le aree verdi, il divieto assoluto di accesso alle spiagge per gli autoveicoli, la cura dell’arredo urbano e l’abbattimento delle barriere architettoniche”.

“Questa è la grande forza della Toscana nel mondo – conclude D’Angelis – e riconoscimenti ormai diventati un’abitudine per le nostre coste come le Vele Blu lo dimostrano ancora una volta”.