venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaViolenze sessuali nel ''Forteto'', il...

Violenze sessuali nel ”Forteto”, il fondatore respinge le accuse

''Solo una decina di dichiarazioni, contro le centinaia di persone che non hanno lamentato alcunché''. Rodolfo Fiesoli, fondatore della comunità ''Il Forteto'' si è difeso oggi davanti al gip.

-

Rodolfo Fiesoli, fondatore della comunità ”Il Forteto” di Vicchio (Firenze) si è difeso oggi davanti al giudice per le indagini preliminari. L’uomo, 70 anni, è stato accusato di maltrattamenti e violenze sessuali da alcuni ex ospiti della struttura.

LE DICHIARAZIONI. “A fronte di meno di una decina di dichiarazioni accusatorie contro di me – ha detto davanti al gip Fiesoli – dico che nei 34 anni di esistenza della comunità ‘Il Forteto’, nella stessa hanno vissuto e vi sono transitate centinaia e centinaia di persone che non hanno lamentato mai alcunchè di scorretto, né di violento, né che abbia risvolti penali. Chiedo che siano sentite anche queste persone, per riscontrare altre testimonianze”.

ACCUSE DA SOGGETTI CON DIFFICOLTA’. Fiesoli è stato interrogato questa mattina per circa un’ora e mezzo e, secondo quanto riferiscono i suoi difensori, ha respinto tutte le accuse, negando sia di aver compiuto atti sessuali, consenzienti o non consenzienti. Sempre davanti al gip Fiesoli ha detto ”di essere accusato da soggetti con difficoltà psicologiche”, riferendo di “contrasti tra alcuni di coloro che lo accusano e la comunità”.

Ultime notizie