lunedì, 28 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Voilà la Firenze da pedalare

Voilà la Firenze da pedalare

-

Gli assessori alla sicurezza e vivibilità urbana Graziano Cioni e all’ambiente Claudio Del Lungo a margine della presentazione della biciclettata dedicata agli “over” ma aperta a tutti in programma sabato 20 settembre e promossa dall’Associazione Città Ciclabile.

“L’Amministrazione comunale sta lavorando da tempo per consentire ai ciclisti di muoversi in città con una maggiore sicurezza e tranquillità – hanno spiegato Cioni e Del Lungo -. Un impegno che si traduce in nuove piste ciclabili, nuove rastrelliere e in altri interventi a favore del popolo delle bici”.

Un popolo che continua ad aumentare, come ha precisato l’assessore Del Lungo: “All’inizio di questo mandato amministrativo si stimava che il 5,7% degli spostamenti primari quotidiani in città avvenisse in bicicletta. Adesso siamo arrivati all‘8,7% che passa all’11% se si considerano anche gli spostamenti secondari. In termini assoluti si tratta di 24-28mila persone che ogni giorno utilizzano la bicicletta per muoversi in città, contro i 15mila di 4 anni fa. Si tratta di un incremento significativo e il trend si conferma in crescita.”

Nell’occasione l’assessore Del Lungo ha annunciato che entro l’anno saranno acquistate e collocate 1.000 nuove rastrelliere e altrettante sono previste per il 2009. E che presto saranno realizzate due “Zac”, ovvero “zone ad alta ciclabilità” che attraverseranno il centro storico. “Si tratta in concreto di due assi di attraversamento perpendicolari (piazza Beccaria-piazza Goldoni e via Cavour-Ponte alle Grazie).

Non sono piste ciclabili, ma percorsi che in gran parte si snodano in aree pedonali e che potranno essere utilizzati dai ciclisti nei due sensi di marcia. Saranno individuati dall’apposita segnaletica verticale e in alcune zone anche orizzontale. Il progetto è pronto – ha precisato ancora l’assessore Del Lungo – e può contare sui finanziamenti della Regione. L’avvio è previsto per l’inizio 2009″.

L’assessore Cioni è poi intervenuto sulla questione delle rimozioni e della sosta delle bici anche alla luce del nuovo Regolamento di Polizia Urbana. “Insieme all’assessore Del Lungo stiamo lavorando per individuare dove, al di là delle rastrelliere, si può lasciare la bici senza incorrere nelle sanzioni. L’obiettivo è specificare chiaramente dove non si può e indicare dove invece la sosta è permessa anche con apposita segnaletica. Comunque – ha continuato l’assessore Cioni – sicuramente saranno esclusi i parapedonali vicino ai monumenti e i luoghi dove le bici rappresentano un ostacolo per i pedoni”.

Per quanto riguarda le rimozioni delle due ruote, l’assessore Cioni ha ricordato che “gli interventi sono preventivamente comunicati sia con volantini posti la settimana precedente sulle biciclette sia attraverso le associazioni dei ciclisti”. Di pari passo vanno avanti le rimozioni dei relitti, siano essi biciclette o altri mezzi abbandonati per strada. “Nei primi otto mesi del 2008 sono stati rimosse 1.124 relitti di biciclette, 296 di ciclomotori, 14 di auto, 13 di motocicli e 22 di altri veicoli tra cui furgoni e via dicendo”.

Per quanto riguarda l’iniziativa di sabato, il raduno dei partecipanti è fissato alle 16 in piazza Alberti (piazzale di Villa Arrivabene) con partenza alle 16.30. Il percorso si snoderà in via Gioberti, viale Gramsci, via Cavour, via Martelli, piazza Duomo, piazza Signoria, piazza Santa Croce fino all’arrivo a Montedomini (via dei Malcolenti 6). Dopo un piccolo ristoro, alle 17.45 sarà proiettato il video di Marco Banchelli, ciclonauta e messaggero di pace, “Da ciclisti a .. dentisti per caso”, un nuovo grande progetto di solidarietà e di viaggio preparato e responsabile con Patrizio Roversi, Susi Blady e tanti altri amici.

 

Ultime notizie

Mascherina, dove c’è obbligo all’aperto: dalla Lombardia alla Sicilia

In quali regioni le mascherine sono obbligatorie, 24 ore su 24, anche all'aria aperta: le regole

Bonus tv, come richiederlo: modulo pdf per televisione e decoder DVB-T2

Addio al vecchio televisore o al vecchio decoder: in arrivo un nuovo standard di trasmissione del digitale terrestre. Per le famiglie a basso reddito c'è però un voucher per compare nuovi apparecchi

“Cambiare l’acqua ai fiori” di Valerie Perrin. La recensione

Se nei primi capitoli vi sembrerà di saggiare l’acqua con i piedi sul bagnasciuga, scoprirete, man mano che andate avanti, di trovarvi sempre più a largo, nel mare aperto dell’esistenza di Violette

La Fiorentina si fa rimontare e perde a San Siro

Ribery meraviglioso. Disastro Vlahovic