sabato, 19 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Ztl notturna al via dal...

Ztl notturna al via dal 15 maggio

Via libera, da parte della giunta comunale, alla Ztl notturna. Il provvedimento sarà in vigore dal 15 maggio con le stesse modalità dell’anno scorso: inizio a mezzanotte e termine alle 4 del mattino di venerdì, sabato e domenica. Insieme alla ztl inizierà anche il servizio di navetta dell’Ataf.

-

Il via libera per la Ztl notturna è arrivato. Il provvedimento sarà in vigore a partire dal prossimo fine settimana, con le stesse modalità dell’anno scorso: inizio alle 24 e termine alle 4 del mattino di venerdì, sabato e domenica nella area individuata dal consueto perimetro della ztl notturna. Confermata anche l’area ristretta centrale dove i divieti, più rigidi, scatteranno un’ora prima, vale a dire dalle 23 del giorno precedente (giovedì, venerdì e sabato). La ztl notturna inizierà quindi il 15 maggio e andrà avanti fino al 31 ottobre. E insieme alla ztl inizierà anche il servizio di navetta dell’Ataf che dalle 22 alle 4 collegherà i principali parcheggi di struttura e l’esterno dell’area vietata al centro storico, Oltrarno compreso.

Il vicesindaco Beppe Matulli ha spiegato che la decisione della giunta è arrivata al termine dell’esame dell’esperienza realizzata nel 2008, primo anno in cui è stato sperimentato l’inizio alle 24, con un obiettivo: conciliare le richieste dei residenti con quelle degli operatori economici. La giunta ha deciso di confermare le modalità dello scorso anno (orario 24-4 per la ztl e 23-4 per l’area pedonale interna) lasciando alla prossima amministrazione la valutazione di un più idoneo orario di inizio del provvedimento anche alla luce della sperimentazione del servizio di trasporto pubblico notturno.

Ztl notturna
In concreto dal 15 maggio nei giorni di venerdì, sabato e domenica da mezzanotte alle 4 scatterà la zona a traffico limitato nei settori A, B, D ed E. Quest’ultimo settore sarà esteso a San Niccolò (fino a via dei Bastioni e a piazza Ferrucci) e in Oltrarno (fino a piazza Gaddi e piazza Pier Vettori).
Lo stesso divieto sarà in vigore anche in ulteriori strade o porzioni non inserite nella ztl notturna: si tratta di via Sant’Antonino, via dell’Ariento (tra via Panicale e Canto dei Nelli), via Faenza, via della Fornace (fra via Ser Ventura Monachi e lungarno Cellini), piazza Vittorio Veneto (da Ponte alla Vittoria nel lato destro della direttrice per piazzale di Porta a Prato), lungarno delle Grazie, via Alamanni (con deroga per i veicoli diretti al parcheggio della stazione), piazza Cavalleggeri, lungarno della Zecca Vecchia e piazza Piave (all’inizio della direttrice verso lungarno della Zecca Vecchia).
In questa zona saranno in vigore le consuete autorizzazioni. Quindi via libera ai residenti dei settori A, B, D ed E (anche per le seconde auto il cui numero è riportato sul permesso e, in caso di controllo, sarà sufficiente mostrare la carta di circolazione attestante la residenza nella zona interdetta) e i mezzi a due ruote senza limitazioni. Per quanto riguarda i veicoli autorizzati, ecco l’elenco: mezzi della polizia, vigili del fuoco, poste, nettezza urbana, forze armate e mezzi di soccorso; bus di linea, taxi, veicoli da noleggio con conducente, mezzi elettrici e velocipedi; veicoli di proprietà del Comune (fino a 35 quintali); veicoli Telecom, Enel, Fiorentinagas per i soli interventi di emergenza con sosta nei pressi del luogo di lavoro; veicoli di proprietà dei residenti al di fuori della Provincia di Firenze che hanno necessità di recarsi presso alberghi, pensioni o autorimesse commerciali presenti all’interno della zona interdetta; veicoli di medici per visite domiciliari di urgenza; veicoli di enti e/o privati provvisti di autorimessa o comunque di aree private poste all’interno della zona interdetta; veicoli presenti all’interno della ztl e che devono uscire dall’area; i veicoli degli istituti di vigilanza privata per l’espletamento della propria attività a sedi interne al perimetro interdetto; veicoli al servizio delle persone portatrici di handicap in possesso dell’apposito contrassegno; veicoli muniti di permesso stampa con a bordo giornalisti muniti di tessera per i soli servizi di cronaca; veicoli intestati ad attività artigianali muniti del contrassegno di colore arancione per l’accesso nella ztl, previa autocertificazione dell’urgenza, il luogo, l’orario, l’intestatario e l’entità dell’intervento; ciclomotori e motocicli; veicoli in possesso del contrassegno per la zona sosta notturna rilasciati ai domiciliati, lavoratori in orario notturno e via dicendo (in base a quanto disposto dal punto 3 dell’ordinanza n. 7081 del 15 ottobre 2001); veicoli con a bordo almeno una persona di età superiore ai 65 anni residente in ztl utilizzando esclusivamente gli accessi dai varchi non controllati dalle porte telematiche. Con il medesimo orario (0-4 di venerdì, sabato e domenica) sarà istituito anche il senso unico in viale Poggi verso piazzale Michelangelo.

Area pedonale
Confermata anche quest’anno l’area intera alla ztl dove i divieti, più rigidi a livello di autorizzazioni al transito, scatteranno un’ora prima, ovvero alle 23 di giovedì, venerdì e sabato, e termineranno sempre alle 4 del mattino successivo. Potranno circolare soltanto i frontisti (motorini compresi) e alcune specifiche categorie di veicoli, vale a dire: mezzi della polizia, vigili del fuoco, poste, nettezza urbana, forze armate e mezzi di soccorso; bus di linea, taxi, veicoli da noleggio con conducente; veicoli dei medici per le visite domiciliari d’urgenza; mezzi al servizio delle persone portatrici di handicap in possesso dell’apposito contrassegno; veicoli muniti di permesso stampa con a bordo giornalisti muniti di tessera per i soli servizi di cronaca. La zona corrisponde grosso modo al settore A della ztl diurna con alcune appendici come Corso Tintori, via dell’Agnolo e via Tornabuoni. In dettaglio la zona è quella delimitata dalle seguenti vie (escluse dal provvedimento se non espressamente indicate): lungarno alle Grazie, piazza Cavalleggeri, via Tripoli, via delle Casine, via Ghibellina, viale Giovine Italia, via dell’Agnolo, via Santa Verdiana, piazza Ghiberti, via Mino, via dei Macci, via della Mattonaia, Borgo La Croce (inclusa), piazza Sant’Ambrogio (inclusa), via dei Pilastri, via degli Alfani, via della Pergola, via Sant’Egidio, piazza Santa Maria Nuova, via Bufalini, via dei Servi, via degli Alfani, via dei Ginori, via Taddea, via Rosina, piazza del Mercato Centrale, via Panicale, via Zannoni, via Faenza (inclusa nel tratto Zannoni/via Sant’Antonino), via Sant’Antonino (inclusa), piazza dell’Unità Italiana (inclusa), via degli Avelli (inclusa), piazza Santa Maria Novella (inclusa), via della Scala, via dei Fossi, piazza Ottaviani, via dei Fossi, piazza Goldoni, lungarno Corsini, lungarno Acciaiuoli (incluso), lungarno Archibusieri (incluso), lungarno Anna Maria dei Medici (incluso), lungarno Diaz (incluso).

L’accesso all’ospedale di Santa Maria Nuova
Per quanto riguarda l’accesso all’ospedale di Santa Maria Nuova, è stato individuato un itinerario di accesso (all’interno del settore B) : via Alfieri, piazza d’Azeglio, via Giusti, Borgo Pinti, via Laura, via della Pergola, via Sant’Egidio, via Bufalini, via dei Servi, via del Castellaccio, piazza Brunelleschi (parcheggio), via degli Alfani, via dei Pilastri, via Carducci, via Niccolini, via Leopardi. Si ricorda che è in vigore la procedura attiva anche di giorno. Ovvero l’inserimento a posteriori nella lista bianca e il seguente annullo della violazione.

Navette Ataf
Si tratta di una novità attivata quest’anno. Il servizio prevede l’utilizzo di tre mezzi (del tipo oggi usato sulla linea D) che, nella fascia oraria 22-4, circoleranno con una frequenza di 17 minuti sul percorso che collega i principali parcheggi di struttura e l’esterno della ztl al centro storico, con una puntata anche in Oltrarno per la precisione nella zona di San Niccolò. In dettaglio il percorso individuato parte da piazza Alberti (parcheggio) e percorre via Lanza, via Fra’ Giovanni Angelico (pressi parcheggio Beccaria), piazza Ghiberti (parcheggio Sant’Ambrogio), via della Colonna, piazza Santissima Annunziata, via Lamarmora, via Don Minzoni, piazza Libertà (parcheggio Parterre), via Lorenzo Il Magnifico, via Santa Caterina d’Alessandria, piazza Indipendenza, via Cavour, piazza Unità Italiana (parcheggio Stazione), via Vecchietti, via della Vigna Nuova, Ponte alla Carraia, lungarno Guicciardini, via dei Bardi, Ponte alle Grazie, via dei Benci, via Ghibellina, Lungarno della Zecca Vecchia (parcheggio Murate), viale Amendola, via Arnolfo, via Piagentina e arrivo in piazza Alberti. In totale si tratta di 42 corse per notte, totalmente gratuite per gli utenti e calcolando che ogni mezzo può trasportare una cinquantina di persone, il numero potenziale dei passeggeri è rilevante. E, sulla base dell’esperienza, frequenze e orari potranno essere adeguati alle necessità. Costo del servizio 70.000 euro coperti con i fondi dell’Amministrazione comunale.

Ultime notizie

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano

Il concerto dei Bowland a Villa Bardini (in streaming)

Un'esibizione speciale che sarà trasmessa sui social. Lattexplus lancia un nuovo progetto che lega insieme musica e location esclusive

Tessera elettorale smarrita o piena: cosa fare per ritiro, cambio o rinnovo

Persa, danneggiata o rubata: la procedura da seguire per richiedere il documento essenziale al momento del voto