venerdì, 30 Ottobre 2020
Home Sezioni Eventi I Soliti Idioti, due ore...

I Soliti Idioti, due ore di risate in un Obihall pieno

E' durato due ore lo spettacolo fiorentino del duo de ''I soliti idioti'', con l'Obihall pieno per l'occasione. Tra uno sketch e l'altro, tra un personaggio e l'altro, le risate in sala non sono certo mancate.

-

E’ durato due ore lo spettacolo fiorentino del duo de ”I soliti idioti”, con l’Obihall pieno per l’occasione. Tra uno sketch e l’altro, tra un personaggio e l’altro, le risate in sala non sono certo mancate.

LO SPETTACOLO. E’ durato due ore piene l’attesissimo spettacolo fiorentino del duo comico: mai un momento di vuoto (esclusi i 15 minuti di pausa), ma anzi: quando uno dei due comici si cambiava d’abito e di travestimento, l’altro restava sempre sul palco e continuava lo sketch da solo, anche parlando con il “collega” dietro le quinte a cambiarsi. Lo spettacolo si è aperto con Biggio e il Nongio travestiti da Jackson e Johnson non sul palco ma tra il pubblico. I personaggi sono due imprenditori travestiti in stile Charlot. Poi sono arrivati ”I moralisti” noti come Giampietro e Marialuce, tormentone la frase ”E’ normale Marialuce.. è normale”. Sono vestiti da giocatori di tennis e sono benpensanti. Incontrano sempre personaggi (in questo caso, il pubblico dell’Obihall) a loro avviso strani e li giudicano.

SKETCH. Momento tanto atteso, ”Mamma esco”, dove il Biggio interpreta Gigetto e il Nongio Niccolò. Due bambini che stanno sempre insieme. Niccolò si vede sempre nel momento in cui deve uscire di casa e dice alla madre dove andrà e, ogni volta, da giustificazioni stravaganti e spesso ”illegali”. Altri personaggi interpretati Gisella e Sebastiano, con la frase topica ”Un attimo e sono.. subito da lei” detta da Gisella, impiegata delle poste che accoglie il cliente Sebastiano con la frase ”mmm… dica” e inventandosi le scuse più assurde pur di non lavorare o servire il cliente.

PERSONAGGI. Sul palco anche gli ”ScandicCinesi”, due cinesi proprietari di una ”Tlattolia” di prodotti tipici toscani. E ovviamente il delirio, essendo a Firenze. Cori contro la Juve e inno della Fiorentina è stato certamente il momento ”magico” della serata che ha coinvolto tutto il pubblico fiorentino. Il rinnovamento della chiesa vede sul palco invece due preti: Padre Boi, interpretato da Biggio, e padre Giorgio, interpretato dal Mandelli. I due sono alla ricerca di Gesù. In Tv si vedono sempre alle prese con altri uomini di chiesa, in questo caso hanno interagito con il pubblico, facendo salire un ragazzo sul palco. Non sono mancati neanche ”Fabio e Fabio”, una coppia gay.

IL NUOVO FILM. E in tema di campagna elettorale non potevano tagliare fuori la ”Ministra”, una donna prosperosa candidata alle elezioni. E alla fine, il momento più atteso. ”Father & Son” alias Gianluca e Ruggero De Ceglie, protagonisti indiscussi sia degli sketch televisivi che del film uscito nei cinema lo scorso anno. Ma lo spettacolo non è finito qui. Dopo il trailer del nuovo film ”I due Soliti Idioti” nelle sale dal prossimo Natale, sono saliti sul palco ”Patrick e Alexio”, due ragazzi milanesi moderni con un linguaggio scurrile e composto soltanto da poche parole. Ancora una volta, insomma, I Soliti Idioti hanno portato sul palco, in questo caso, dell’Obihall, una rivisitazione e una visione comica della società italiana.

Ultime notizie

Torna Firenze Home Texstyle e Immagine Italia & Co.

Al via l’HUB, la prima vetrina virtuale delle nuove collezioni

Covid-19, quanti contagiati oggi in Italia: più di 26 mila nuovi casi

I dati del 29 ottobre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Dove si può viaggiare nonostante il Covid: l’allegato 20 al Dpcm 24 ottobre

Sembra strano, ma andare all'estero è ancora possibile: i paesi dove si può viaggiare secondo l'allegato 20 del Dpcm 24 ottobre