martedì, 19 Gennaio 2021
Home Sezioni Storie Il primo condominio solidale della...

Il primo condominio solidale della Toscana è a Campi

A Campi Bisenzio nasce Casa Diletta al Palagio, un progetto per ospitare donne sole con figli, giovani con disagio lavorativo, vittime di violenza di genere e anziani

-

Sedici storie, sedici persone che con i loro vissuti e qualche difficoltà alle spalle si avviano a iniziare una nuova vita insieme nel primo condominio solidale della Toscana.

Ha aperto le porte a inizio febbraio Casa Diletta al Palagio, un progetto che nasce dalla collaborazione tra la Confraternita di Misericordia di Campi Bisenzio, l’associazione Auser Abitare Solidale e la Società della Salute dell’Area Fiorentina Nord Ovest, con il contributo della Regione Toscana. Obiettivo di tutti i soggetti coinvolti: dare una risposta al disagio abitativo e sviluppare l’autonomia socio-lavorativa di chi si trova in un momento di difficoltà.

Casa Diletta ospiterà donne sole con figli, giovani con disagio lavorativo, vittime di violenza di genere, madri o padri separati in una situazione di emergenza abitativa, per un periodo compreso tra i 6 e 12 mesi. Spazio anche agli anziani, che potranno restare per periodi anche più lunghi.Gli inserimenti saranno segnalati dalla Società della Salute e i condomini verranno sostenuti da uno staff composto da psicologi, assistenti sociali, mediatori familiari e animatori.

Una delle principali novità del progetto consiste nell’accompagnamento degli ex ospiti di Casa Diletta nel percorso verso l’autonomia attraverso la creazione e gestione di fondi di garanzia per coprire le prime mensilità di un eventuale affitto sul libero mercato all’uscita dal condominio solidale.

LA STORIA

Casa Diletta del resto è solidale da sempre. Si trova in un’ala di una delle ville più belle di Campi Bisenzio, a due passi dalla parrocchia di San Lorenzo e da via Barberinese. Nasce come possedimento della famiglia Strozzi e di passaggio in passaggio l’ultima proprietà risale alla famiglia Melchior, che la lasciò alla Misericordia. Oggi una parte è occupata dalla scuola dell’infanzia Diego Cianti, l’altra da Casa Diletta, che prima di essere una sperimentazione di social housing è stata gestita da AIL Associazione Italiana Leucemie per ospitare i familiari dei pazienti che arrivavano da fuori città per farsi curare a Firenze.

 

E per l’accoglienza dei ragazzi c’è anche la casa delle viole

A Campi Bisenzio c’è un’altra casa destinata ad un progetto educativo e abitativo. È l’immobile di via delle Viole, confiscato alle mafie e restituito alla cittadinanza per offrire accoglienza, tutela e protezione a ragazzi in età tra i 16 ed i 21 anni, soprattutto maschi, privi di riferimenti parentali o provenienti da situazioni particolarmente disagiate.

I ragazzi ospitati sono inseriti in un programma di servizio sociale professionale, della durata da uno a tre anni, al termine del quale avranno sviluppato le competenze per avviarsi verso la vita adulta.

Ultime notizie

Bonus collaboratori sportivi, gennaio 2021: quando arriva l’indennità

Il ministro dello Sport Spadafora annuncia l'arrivo di una nuova tranche dell'indennità per i collaboratori sportivi: quando arriva il bonus di gennaio-febbraio, pagato dalla Società Sport e Salute

Quanto costa prendere casa in affitto nei quartieri storici di Firenze?

Un servizio online per trovare un appartamento in affitto in base budget, zona, periodo e formula abitativa: ecco quanto costa affittare una casa nel centro di Firenze

Fino a quando dura il Dpcm. E per quanto è valida la zona arancione

Il calendario delle misure anti-Covid: fino a quando è in vigore il nuovo Dpcm, quanto dura lo stop agli spostamenti tra regioni e quando "scade" la divisione in zona gialla, arancione e rossa

Quanti sono i contagiati oggi in Italia: meno di 9 mila nuovi casi

I dati del 18 gennaio dal bollettino sul coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia e quanti morti?