mercoledì, 22 Gennaio 2020
Home Ed. Locali Quartiere 4 Ci siamo inventati un mestiere...

Ci siamo inventati un mestiere a 3 dimensioni

A Firenze i pionieri delle stampanti 3d. Dal nonno ai nipoti fino ai cugini: dietro ai macchinari hi-tech c’è un’intera famiglia. Il mercato? In crescita. Gli affari pure

-

Nonno Luciano, una vita da artigiano alle spalle, all’inizio ripuliva le imperfezioni dei pezzi appena sfornati dalle stampanti 3d. Babbo Ugo, idraulico, ha messo a disposizione la sua esperienza come piccolo imprenditore. I fratelli Cantini, 53 anni in due, hanno trasformato la loro passione in un lavoro.

In 4 anni hanno coinvolto mezza famiglia nel progetto, fondato una società, Kentstrapper, e venduto centinaia di macchinari. Tutto è nato nella loro cameretta: Lorenzo, 23 anni, ex studente di archeologia, e Luciano, ingegnere elettronico 30enne, sono sempre stati degli smanettoni.

Pionieri delle stampanti 3d a Firenze

Con i pezzi del Lego tecnic, quando erano ragazzini, sono riusciti a costruire di tutto, perfino un robottino che gironzolava per casa e spaventava il gatto. Nel 2010 quasi per gioco hanno realizzato uno dei primi prototipi di stampante tridimensionale made in Italy, semplice da montare a casa propria e soprattutto a basso costo.

Adesso possono contare su 2 modelli (Galileo smart e Volta beta) che vendono e spediscono alle aziende di tutto il Paese, garantendo assistenza tecnica gratuita. Sono questi stessi modelli a lavorare senza sosta nella vetrina del loro showroom-laboratorio alla prima periferia di Firenze. Calamitano l’attenzione di chi passalungo via del Pollaiolo, in zona Isolotto.

Dai bulloni al marketing

“All’inizio contavo i bulloni da mettere nei kit che spedivamo: dentro tutto l’occorrente per costruire una stampante 3d”. Leonardo, 19 anni, fresco di studi liceali, cugino dei fratelli Cantini, ora è diventato responsabile marketing dell’azienda. Snocciola dati e numeri. Negli ultimi 3 anni le vendite sono aumentate esponenzialmente.

“È un mercato che si sta velocemente espandendo – sottolinea – un’azienda, con una stampante 3d a un costo irrisorio può creare migliaia di prototipi”.

Come funziona una stampante 3d

Si va da 870 a 1.500 euro per un singolo macchinario ad alta precisione. Funziona come una normale stampante, ma al posto di testi, può stampare oggetti tridimensionali: il disegno viene fatto su computer e i dati inviati all’apparecchio, che riproduce fedelmente l’oggetto. Fonde un filo di plastica, lo deposita su una superficie e crea i vari strati del prototipo.

Stampanti 3d Firenze - pionieri della stampa tridimensionale Kentstrapper

Uno dei modelli di stampanti 3d create dai fratelli Cantini

Si può stampare di tutto: dai modelli per bottiglie da profumo, alle dentiere, fino ai caschi dei supereroi. C'è addirittura chi si è fatto creare il prototipo per un sex toy da signora. I pionieri fiorentini della stampa in 3d fanno anche prototipazione rapida: disegni l’oggetto e loro lo creano.

Quanto costa una stampante 3d. Poco più di un Iphone

Tra i clienti case di moda, professionisti, copisterie, scuole, senza dimenticare gli appassionati di tecnologia. “Quando vedono che una stampante 3d costa poco più di un’Iphone 6 – racconta Leonardo – la comprano subito”. Sul sito di Kentstrapper si trovano tutte le informazioni sui pionieri delle stampanti 3d a Firenze.

Artigianato ieri e oggi: leggi l'inchiesta de Il Reporter sul numero di gennaio 2015.

- Pubblicità -

Ultimi articoli

Severgnini si racconta al Teatro Puccini

L’editorialista porta il suo “Diario sentimentale di un giornalista” a Firenze: ed è subito messinscena

Tramvia, linea 3.2: “Solo un terzo del percorso con i pali”

Intervistato da Lady Radio, il sindaco Dario Nardella fa il punto sui lavori per le nuove linee e anche sulla tecnologia che permetterà ai tram di viaggiare, in alcuni tratti, a batteria

La scuola al cinema: l’Istituto Marco Polo di Firenze in un film

Ci si resta anche al pomeriggio, si impara con metodi all’avanguardia e la parola d’ordine è “accoglienza”. Una scuola strana, l’Istituto Marco Polo. Che ora diventa un film

Natura collecta, a Firenze in mostra i prodigi della natura

Minerali rari, animali esotici, conchiglie e piume trasformate in oggetti di lusso. I gioielli della natura sono esposti in San Lorenzo
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Utilizziamo i cookie per offrirvi una migliore esperienza online, analizzare il traffico del sito e personalizzare i contenuti. Dando il vostro consenso, ne accettate l'uso in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi