venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniArte & CulturaE i cartelli di Clet...

E i cartelli di Clet finiscono a teatro / FOTO

Dalla strada al teatro. E' il viaggio dei famosi ''omini'' dell'artista Clet Abraham, che saranno in mostra al Puccini fino al prossimo 2 gennaio.

-

Una mostra a teatro. E’ quella che, da venerdì scorso e fino al 2 gennaio 2012, è allestita nel foyer del Teatro Puccini, dove sono in mostra i famosi cartelli di Clet Abraham. L’iniziativa è stata organizzata in occasione dello spettacolo di Alessandro Riccio “Gianni Schicchi”, che sarà in scena dal 26 al 31 dicembre.

LO SPETTACOLO. “Che sarà uno spettacolo unico – recita la presentazione dell’evento – si vede già dai manifesti, dove il lato oscuro e quello perbene di Gianni Schicchi si sfidano attraverso il volto di Alessandro Riccio. Se il volto buono è fotografico, la singolare rappresentazione del lato cattivo è affidata alla matita di Clet Abraham, lo street-artist fiorentino d’adozione, famoso per la sua geniale rilettura dei segnali stradali (chi non ha presente l’omino che trasporta la banda bianca del divieto d’accesso?) Teatro e street-art si incontrano quindi in un connubio nuovo e interessante nel panorama artistico fiorentino. Sarà, infatti, Clet a curare le scenografie del nuovo spettacolo che Alessandro Riccio porterà al Teatro Puccini dal 26 al 31 dicembre 2011. Gianni Schicchi, liberamente tratto dall’omonima opera di Giacomo Puccini, è una rivisitazione, in chiave comica, delle vicende di Schicchi, nella quale imperano ritmo e risate e dove le straordinarie qualità di attore comico trasformista di Riccio si uniscono ancora una volta alla passione per le vicende storiche rilette in chiave dissacrante”.

LA TRAMA. La storia è famosissima, tant’è che Gianni Schicchi è citato anche nel Canto XXX dell’Inferno dantesco. Nella Firenze trecentesca l’importante famiglia Donati resta orfana del suo capostipite Buoso. La più cupa disperazione della famiglia si trasforma in ricerca affannosa e isterica del suo testamento. E la disperazione torna più cocente che mai alla scoperta che tutta la ricchezza accumulata da Buoso è stata donata ai frati fiorentini. La famiglia Donati non ci sta a cadere in rovina e affida a Gianni Schicchi la soluzione del dilemma. Non finisce qui, però. Lo spettacolo non sarà solo divertimento, ma anche solidarietà. Riccio sostiene, infatti, Oxfam Italia, ong toscana da 30 anni impegnata nella lotta contro la povertà. L’incasso di una delle serate sarà perciò devoluto a sostegno dei progetti di questa associazione. Lo spettacolo è scritto, diretto ed interpretato da Alessandro Riccio. Gli altri personaggi sono interpretati dai bravissimi Silvia Frasson, Maria Paola Sacchetti, Daniela D’Argenio, Marcello Sbigoli, Matias Endrek, Gabriele Giaffreda, Matteo Meli, Alessio Nieddu, Francesco Mancini.

 

{phocagallery view=category|categoryid=293|limitstart=0|limitcount=0}

 

DATE
26 Dicembre ore 16.45
27-28-29-30 Dicembre ore 21
31 Dicembre ore 22

PREZZI
Interi: I settore € 17, II settore € 15 (più diritti prevendita)
Previste riduzioni

INFO E PRENOTAZIONI
I biglietti si acquistano presso TEATRO PUCCINI Via delle Cascine, 41 (FI)
martedì, venerdì e sabato dalle 15.30 alle 19.00 (per info Tel. 055 362067)
oppure presso il Circuito Box Office

Clet e Firenze, una lunga storia: L’omino di Clet ora cammina sulle acque / GUARDAClet colpisce ancora e ”disegna” su Torre San Niccolò / FOTO“L’arte, i cartelli e l’uomo comune”, Clet si racconta – VIDEOClet, l’artista dei cartelli si racconta / FOTO

Ultime notizie