venerdì, 5 Marzo 2021
Home Sezioni Arte & Cultura Firenze e Vicchio ricordano Giotto

Firenze e Vicchio ricordano Giotto

Ieri 8 gennaio l'amministrazione comunale ha ricordato Giotto nell'anniversario della sua morte avvenuta l'8 gennaio 1337.

-

L’assessore Giani ha annunciato anche un progetto che coinvolge oltre a Firenze anche altre città dove l’eredità di Giotto è rappresentata con opere autentiche, come Padova e Assisi.

 

“Giotto – ha spiegato l’assessore Giani – è riconosciuto come il padre dell’arte figurativa a Firenze. Insieme a Michelangelo, tumulato in Santa Croce, sono stati gli unici artisti ad avere una cerimonia funebre coinvolgente per tutta Firenze. Furono decine di migliaia i fiorentini che parteciparono ai suoi funerali al Duomo”.

“Giotto fu maestro dei lavori nella cattedrale del Duomo e del campanile che porta il suo nome e con lui tutti identificarono la rivoluzione nell’arte e della pittura – ha continuato Giani -. Ogni anno il Comune di Firenze e d’ora in poi assieme al Comune di Vicchio, continuerà a ricordarne la figura”.

Ultime notizie

Toscana zona rossa o arancione: quando si decide il colore della prossima settimana

Per Pistoia e Siena probabile la conferma delle restrizioni, Empoli e Arezzo rischiano il cambio di colore. E oggi si saprà se la Toscana sarà zona rossa o arancione la prossima settimana (8-14 marzo)

Zona arancione e rossa: posso vedere congiunti e fidanzati fuori comune?

Il decreto Covid del governo Draghi aggiorna le regole sugli spostamenti. Si può andare a casa di congiunti, parenti o amici che abitano in comuni diversi, se ci si trova in zona arancione o rossa?

Zona arancione rafforzata: significato e regole della fascia “arancio scuro”

Si allarga nuova fascia di rischio: ecco dove è in vigore, il significato di "zona arancione rafforzata" o "zona arancione scuro", cos'è e le regole per capire cosa si può fare e cosa no

Il Reporter marzo 2021

L'atterraggio di Perseverance su Marte ci regala un certo gusto della rivincita, un invito a spostare un po’ più avanti la frontiera della fiducia nel futuro