Al Circolo Pescetti il sereno e vivace surrealismo di Franco Lastraioli oramai universalmente conosciuto, come dimostrano le numerose “personali” che dalla fine degli anni cinquanta l’artista ha portato in giro per il mondo.

Dopo gli esordi nella sua Firenze alla storica galleria GADA e varie esposizioni in numerose città italiane – ricordiamo Torino, Palermo, Genova – nel 1968 la Loring’s Art Gallery lo ospita nelle sue sale di New York, città nella quale torna dieci anni dopo al Queen College University Art Center. Negli anni ’80 e ’90 l’opera di Lastraioli è presentata numerose volte anche a Firenze nella prestigiosa Ken’s Art Gallery.

Pittore dalla fantasia dirompente, dalla visione fantastica di un mondo bizzarro, metafisico e surreale, Franco Lastraioli si distingue per la precisione del disegno e per i colori vivaci stesi sulla tela con rigore ed accuratezza. Paesaggi immaginifici venati da allegri e curiosi giochi fantastici.

Sterminata la sua biografia, in cui anche l’indimenticabile Piero Bargellini, gli dedica ampio spazio nella sua “L’arte del Novecento” pubblicata da Vallecchi.

Non possiamo non ricordare, infine, come sue opere si trovino, per esempio, al Museo Sperimentale d’Arte Contemporanea di Torino e alla Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti.

La mostra è aperta fino al 6 giugno ad ingresso libero, tutti i giorni dalle 16 alle 19.00.