sabato, 16 Gennaio 2021
Home Sezioni Arte & Cultura Il mondo della cooperazione fiorentina...

Il mondo della cooperazione fiorentina a Palazzo Medici Riccardi

Dal 29 gennaio al 12 febbraio, Palazzo Medici Riccardi ospiterà due mostre fotografiche e tanti appuntamenti per il ''Festival della Cooperazione''.

-

Palazzo Medici Riccardi, sede della Provincia fiorentina, farà sì che il “Festival della Cooperazione” faccia sentire la sua voce: saranno trattati vari argomenti, dalle esperienze in Libano dei giovani musicisti di “Prima materia” al lancio della giornata mondiale contro le Mutilazioni Genitali Femminili (MGF), ma anche i progetti della Water Right Foundation e della Comunità di Sant’Egidio.

PROGRAMMA. Sarà intenso il programma del Festival della Cooperazione che, dal 29 gennaio al 12 febbraio, si svolgerà a Palazzo Medici Riccardi. Il primo appuntamento avrà luogo alle 16.30 di mercoledì 29 gennaio, nella Sala Luca Giordano, con la presentazione dell’intero programma, alla presenza del Presidente della Provincia di Firenze, Andrea Barducci, del Consigliere provinciale e Coordinatore del Forum Territoriale, Stefano Fusi, della rappresentante della Regione Toscana, Cinzia Chighine e del Sindaco del Comune di Montespertoli, Giulio Mangani. Proprio Montespertoli sarà protagonista, a seguito della presentazione di “Caro campo”, racconto dei giovani musicisti dell’Associazione Prima Materia, che porteranno in scena  a Palazzo Medici il loro spettacolo, unendo i brani della musica tradizionale araba ai testi scritti, per raccontare le condizioni dei rifugiati palestinesi nei campi del Libano. Una testimonianza di cui sarà possibile godere anche visivamente, grazie alla mostra allestita nella Sala Quadri.
Il Festival proseguirà, poi, giovedì 30 gennaio nella Sala Pistelli, sempre alle ore 16.30,  con l’incontro “Sguardo e sogno e Comunità di Sant’Egidio: cronache di viaggio di un medico eurafricano”. Venerdì 31 gennaio sarà, invece,  la Water Right Foundation ad organizzare nella Sala Quadri l’appuntamento “L’acqua che si mangia: sostenibilità alimentare e risorse idriche”. A febbraio il programma prosegue con World Friend, la disabilità vista da Nairobi (lunedì 3 febbraio, ore 17, Sala Quadri) e la presentazione del Progetto ANME di Emergency in Africa (martedì 4 febbraio, ore 17.30, Sala Quadri).
Mercoledì 5 febbraio ci sarà, inoltre, il lancio della giornata “Tolleranza Zero contro le Mutilazioni Genitali Femminili”, curato dal gruppo “Donne, infanzia, salute e istruzione” del Forum della cooperazione. Giovedì 6 febbraio sarà possibile ascoltare le voci dal mediterraneo, con testimonianze dirette e proiezione di video, ad opera del Cospe (sala Quadri, ore 17). Il giorno dopo, venerdì 7 febbraio, avrà luogo la presentazione della ricerca del CESVOT sul volontariato senza frontiere in Toscana. Ultimo appuntamento in sala Quadri è quello di lunedì 10 febbraio, alle 10.00, con l’Associazione Amici dei Bambini ed il loro “Bambini in Alto Mare”.
Le due settimane del Festival si concluderanno con l’incontro su “Reti territoriali, partenariati e buone pratiche di cooperazione degli Enti locali”, programmate per martedì 11 febbraio alle ore 9.30, in Sala Pistelli.

Ultime notizie

Fiorentina, prima volta allo stadio Maradona

La Fiorentina sfida il Napoli nel lunch match di domenica: le probabili formazioni. Commisso rinuncia allo stadio

In quanti in macchina, regole del nuovo Dpcm sulle persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid

Centri commerciali aperti o chiusi nel weekend: regole del Dpcm

Shopping pre-saldi a ostacoli. In zona gialla e arancione tutti i negozi possono stare aperti, ma nel weekend scatta la chiusura dei centri commerciali (con qualche deroga)

Quante persone possono partecipare ai funerali: il Dpcm Covid e le regole

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti, per cosa scatta il divieto, quali sono le deroghe secondo il Dpcm