venerdì, 25 Settembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Il ''pesce dimenticato'' arriva a...

Il ”pesce dimenticato” arriva a scuola. Per riscoprire le tradizioni/Foto-Video

Presentato oggi all'Istituto Alberghiero Buontalenti a Firenze: "Il Pesce Dimenticato va a scuola", per riscoprire il pesce povero delle nostre tradizioni.

-

Un pesce non più dimenticato.

IL PESCE POVERO. Dopo la prima fase del progetto di promozione regionale del “Pesce Dimenticato” che puntava in maniera particolare sui ristoranti e la distribuzione, ecco che questa volta il centro si sposta sui giovani. Infatti l’obbiettivo della secondo fase sarà quello di promuovere all’interno degli istituti alberghieri toscani la conoscenza e l’utilizzo di tutte quelle specie ittiche di cui si sta perdendo il ricordo. Pesci e prodotti del mare come: muggini, sardine, moscardini, sugarelli, razze stellate e altri. Infatti come è stato ricordato durante la conferenza stampa di ben 600 specie commestibili che abbiamo nei nostri mari solo il 10% arriva sulle nostre tavole. Per questo il progetto punto a riscoprire la tradizione attraverso gli occhi della biodiversità, del rispetto del mare, delle tradizioni, m anche della buona tavola e dei prodotti tipici toscani.

IL PROGETTO. In particolare gli istituti alberghieri, ben undici, sono coinvolti nel progetto “Buono, saporito e sani: il pesce povero dalla rete alla cattedra” sia ospitando seminari informativi con cuochi professionisti e biologi, sia attraverso un concorso culinario. Il concorso prevede la realizzazione di un menù completo a base di pesce povero da presentare ad una giuria costituita da soggetti esperti del settore della ristorazione e comunque conoscitori del “buon mangiare”. Il menù dovrà integrarsi anche con la promozione di vino, olio e pane legati al territorio toscano con la partecipazione del Consorzio per la tutela dell’Olio extravergine di Oliva toscano IGP, dei comitati territoriali delle Strade del Vino e del Consorzio pane toscano a lievitazione naturale. Il premio per la migliore portata consisterà in un uscita di pesca turismo.

I COMMENTI.Pesce_dimenticato_1 “L’elemento prezzo non deve essere l’unico criterio di scelta, ma la tradizione e la salubrità dei prodotti – ha spiegato durante la conferenza Enrico Ciabatti, segretario generale Unioncamere Toscana – Abbiamo tanti sapori della nostra tradizione da recuperare. Per questo ci siamo avvicinati alle scuole ‘sfruttando’ gli istituti alberghieri, facendo così conoscere ai futuri cuochi e operatori di sala questi prodotti, così che potranno influenzare i nuovi menù che verranno proposti.” Presenta anche Maria Francesca Cellai, dirigente scolastico dell’Istituto Alberghiero Buontalenti: “La scuola deve essere un banco di prova per recuperare i sapori locali. Perché quello che viviamo in questi tempi non è solo una crisi economica ma anche valoriale. Perché recuperare ciò che è stato dimenticato è un messaggio di grande importanza sociale, di sguardo verso gli ultimi.” E’ anche intervenuta Silvia Gambaccini, biologa marina della cooperativa Aplysia nonché coordinatrice del progetto: “Gli obbiettivi del progetto sono fondamentalmente quattro: riscoprire le specie ittiche dimenticate, diminuire gli scarti della pesca, salvaguardare la biodiversità marina e incrementare l’offerta ittica. Ciò è stato anche possibile grazia al rapporto con Unicoop Firenze e gli alberghieri che hanno aderito. Alla presentazione sono anche intervenuti Luciano Rossetti, responsabile del settore Soci e Consumatori Unicoop Firenze, Giuseppe Italiano, presidente del CIPAT, e Antonio Angotti, vice-presidente nazionale Lega Pesca.

GUARDA IL VIDEO:

{youtube}SaY90ONCiWY{/youtube}

IL PRANZO. La conferenza stampa si è conclusa con un ottimo pranzo preparato dall’istituto Buontalenti ed in particolare dai suoi studenti. Cuore del buffet è stato appunto il pesce povero riproposto in un fantastiche composizioni di antipasti e primi che hanno dato un’idea delle notevoli possibilità che offrono questi prodotti ittici. Senza dimenticare gli altri tre cavalli di battaglia del suolo toscano, ovvero pane a lievitazioni naturale, olio e vino.

GUARDA LE IMMAGINI:

{phocagallery view=category|categoryid=512|limitstart=0|limitcount=0}

Ultime notizie

Smart working: cosa cambia dopo il 15 ottobre (senza la proroga)

Le regole per il lavoro agile nel settore privato e quelle per i genitori con meno di 14 anni

Torna La rondine di Puccini al Teatro del Maggio Fiorentino

La stagione lirica del teatro fiorentino continua, dopo il successo del Rinaldo, con "La Rondine" di Giacomo Puccini

Maglieria uomo, tutte le novità per l’autunno

È arrivato il momento del cambio di stagione: i consigli su come "rinfrescare" il proprio guardaroba

Firenze Marathon 2020 annullata, la maratona torna nel 2021

Quando si terrà la 37esima edizione della gara e cosa succede per chi ha già fatto l'iscrizione