sabato, 16 Gennaio 2021
Home Sezioni Arte & Cultura Il ''Principe'' festeggia cinquecento anni...

Il ”Principe” festeggia cinquecento anni con una mostra

Il ''Principe'' di Machiavelli viene celebrato, per il cinquecentenario, con una mostra alla Biblioteca Nazionale.

-

Il ”Principe” di Machiavelli viene celebrato, per il cinquecentenario, con una mostra alla Biblioteca Nazionale.

MOSTRA. Il cinquecentenario della composizione del ”Principe” di Machiavelli verrà ricordato con una mostra, organizzata dal Comunque Firenze e dalla Regione Toscana. La mostra partirà il prossimo 10 dicembre (che corrisponde alla ricorrenza dell’annuncio in una lettera a Pier Vettori dello stesso Machiavelli della conclusione della stesura di un “trattatello”) e terminerà il 22 febbraio 2014.

OPERE. La mostra, ospitata nelle sale monumentali della Biblioteca Nazionale di Firenze, raccoglierà circa novanta opere: di queste, tredici messe a disposizione dal Polo Museale, tra cui la tavola Doria, esposta per la prima volta a Firenze dopo la prima del Quirinale a seguito del ritrovamento da parte di Carabinieri e magistrati e l’accordo con il Tokio Fuji Art Museum che l’aveva acquistata in buona fede. E poi i documenti rari e importanti messi a disposizione dall’Archivio di Stato di Firenze; tra gli altri la copia splendida dei vangeli su cui giuravano le cariche repubblicane, il bando e il cifrario degli ambasciatori.

PRESENTAZIONE. La mostra, presentata stamani a Roma, alla sede della stampa estera, si intitola ”La via al Principe: Niccolò Machiavelli da Firenze a San Casciano”, ed è uno dei numerosi eventi organizzati dal Comitato per le celebrazioni, nato grazie a una delibera di giunta, presieduto dall’onorevole Valdo Spini e dal professor Sergio Givone, assessore alla cultura del Comune di Firenze, di cui fanno parte rappresentanti di tutte le istituzioni politiche e culturali del territorio. Alla presentazione di stamani erano presenti, oltre a Spini, l’ assessore alla cultura della Regione Toscana Cristina Scaletti, il presidente dell’ associazione della Stampa estera Maarten van Aalderen, Francesca De Luca (Polo museale), Silvia Alessandri (Biblioteca Nazionale centrale).

IL PRINCIPE. Il ”Principe” di Machiavelli è ritenuto il fondatore della moderna politica con le sue leggi, le sue regole fuori dalla morale comune. ”Solo trasferendo la memoria nel vissuto di ciascuno di noi si può arrivare a farne metodo efficace di rapporto con la società per aiutarne la crescita – ha sottolineato l’assessore regionale alla cultura Cristina Scaletti – In più oggi possiamo contribuire al dibattito aperto da Machiavelli sull’etica della politica in un evidente momento di crisi, anche per cercare di superare la troppa improvvisazione che in Italia riesce purtroppo a marginalizzare la cultura”.

IL COMMENTO. “E’ stata una felice unione di forze e di volontà – ha affermato il presidente del comitato organizzatore Valdo Spini – tra il Comune di Firenze, la Regione che ha finanziato la mostra, il Polo Museale, la Biblioteca Nazionale e l’Archivio di Stato, che consente di portare a fondo una iniziativa dovuta a una delle maggiori figure della nostra storia nella sua sua terra, dopo quella di Roma organizzata dall’Istituto dell’Enciclopedia Italiana e dalla Aspen University”.

Ultime notizie

Fiorentina, prima volta allo stadio Maradona

La Fiorentina sfida il Napoli nel lunch match di domenica: le probabili formazioni. Commisso rinuncia allo stadio

In quanti in macchina, regole del nuovo Dpcm sulle persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid

Centri commerciali aperti o chiusi nel weekend: regole del Dpcm

Shopping pre-saldi a ostacoli. In zona gialla e arancione tutti i negozi possono stare aperti, ma nel weekend scatta la chiusura dei centri commerciali (con qualche deroga)

Quante persone possono partecipare ai funerali: il Dpcm Covid e le regole

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti, per cosa scatta il divieto, quali sono le deroghe secondo il Dpcm