La mostra “Cina. Alla corte degli imperatori. Capolavori mai visti” propone oltre duecento opere che testimoniano il fasto e il cosmopolitismo delle corti imperiali della dinastia Han Orientale (23-220) fino all’impero Tang (617-907).

Entrando nel cortile di Palazzo Strozzi si può ammirare la stupefacente statua di Maitreya, il Buddha del Futuro (alta 240 cm), la cui esecuzione è direttamente collegata all’unica imperatrice della storia cinese, la formidabile Wu Zetian. Ma l’esposizione propone, soprattutto, importanti opere in stile militare come riproduzioni di carri, cavalli e soldati in bronzo.

Una significativa sezione della mostra è riservata all’arte buddhista. Sono 27 le imponenti sculture presenti, databili dalla fine del V al IX secolo e provenienti da siti importanti quali le grotte di Maijishan, nella regione del Gansu.

Interessanti gli oggetti che testimoniano l’opulenza della corte Tang. Finissimi reperti in oro e in argento e splendide sculture di terracotta, invetriate o dipinte.

La grande attrazione sono, infine, quattro straordinari affreschi e quattro dipinti su pietra, tutti di epoca Tang, alcuni di recentissima scoperta e mai visti in occidente e che insistono su diversi aspetti del costume nella società cinese di quel periodo: la presenza straniera, i cavalli, la moda femminile, le acconciature.

La mostra è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 20. Il giovedì apertura fino alle 23. Biglietti: intero € 10,00; ridotto € 8,50; € 8,00; € 7,50. Scuole € 4,00.