sabato, 4 Dicembre 2021
HomeSezioniArte & CulturaLa Mandragola nel Salone dei...

La Mandragola nel Salone dei Cinquecento

Un evento che coniuga le ragioni del teatro con la storia e la tradizione di Firenze: va in scena lunedì 31 maggio, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, un particolarissimo allestimento della Mandragola ad opera della Compagnia delle Seggiole.

-

Gli Amici della Pergola portano La Mandragola di Niccolò Machiavelli nello splendido scenario del Salone dei Cinquecento.

A conclusione di una ricca stagione, durante la quale hanno offerto ogni mese al pubblico fiorentino una serie di eventi legati all’eccellenza delle arti, gli Amici della Pergola propongono adesso un evento che coniuga le ragioni del teatro con la storia e la tradizione di Firenze. Anzi, che situa il teatro in luoghi e tempi nei quali fu concepito e trasformato in opera d’arte: è il particolarissimo allestimento della Mandragola di Niccolo Machiavelli in programma per la serata di  lunedì  31 maggio nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio.

La Mandragola, nell’edizione della Compagnia delle Seggiole, non è nuova nel percorrere itinerari e spazi suggestivi a Firenze. Già nel 2003 animava il Cortile del Museo del Bargello, e nel 2005 replicava nella Grotta del Buontalenti del Giardino di Boboli. Non solo, lo scorso anno nel nome di Machiavelli e della sua opera, la Compagnia ha avuto l’onore di essere invitata in Giappone per un tour che ha toccato luoghi e città non meno prestigiose come il Tempio Kodai di Kyoto (città gemellata con Firenze), il Teatro Holl di Gifu e la Sala degli Ospiti della Pagoda di Osaka.

Tornata a casa, nella maestosità del Salone dei Cinquecento, risuonerà per una sola eccezionale replica la beffarda vicenda della Mandragola, capolavoro teatrale a cui faranno ideale eco i capolavori della Sala. La serata è riservata a tutti coloro che avranno aderito alla sottoscrizione aperta presso il Bar della Pergola. Per tutte le informazioni è attivo il numero 055-2264353, il sito www.amicidellapergola.org  e l’indirizzo [email protected]

Ultime notizie