Cento anni di Lyceum all’insegna “delle pari opportunità di genere con la valorizzazione del ruolo della donna nella società, l’internazionalità e l’impegno per una cultura della pace”, come ha sottolineato la presidente Maria Grazia Beverini Del Santo.

Stamani è stata presentata la programmazione della stagione 2008-2009 che avrà un unico filo conduttore: la nascita e che comincerà giovedì prossimo con “L’Adultera”, l’ultimo libro di Giuseppe Conte (edito da Longanesi) presentato insieme ad Anna Benedetti e Grazia Beverini Del Santo.

Oltre sessanta iniziative, da ottobre a maggio 2009: concerti, convegni, presentazioni di libri, mostre fotografiche, concerti di musica classica e sinfonica, proiezioni di filmati.

Il Lyceum Club Internazionale di Firenze, tutto al femminile, è promosso dal comune di Firenze, dal Quartiere 1, dalla provincia di Firenze e si divide in sette sezioni, ognuna delle quali propone un proprio cartellone di iniziative: Arte, Internazionale, Letteratura, Musica, Scienze e Sociale.

“Sono contento che il Quartiere 1 possa assicurare il supporto tecnico ed un contributo a questa importante associazione – ha commentato il presidente Stefano Marmugi -. Le finalità che persegue sono un modo per migliorare la nostra città e per migliorarci”.

“La nostra associazione è di volontariato culturale aperta a tutti e questo primo anno che segue il centenario ha un valore estremamente importante – ha aggiunto la presidente Maria Grazia Beverini Del Santo -. Il 101° anno di attività non dirà nulla di nuovo rispetto al passato, perché verranno sempre sostenuti gli ideali che da 100 anni supportano la nostra associazione, sin dalla fondazione”.


Dopo l‘apertura del 9 ottobre, la programmazione proseguirà con il convegno internazionale dell’11 ottobre (dalle 9 alle 18 ), a cura di Julia Bolton Holloway,The City and the Book – The 80 Americans in the ‘English’ Cemetery” (La città e il libro – Gli 80 americani nel cimitero “degli Inglesi”) organizzato con la collaborazione degli Amici del Cimitero “degli Inglesi”, di Aureo Anello Associazione, Mediatheca Fioretta Mazzei e con il patrocinio del Consolato degli Stati Uniti a Firenze, della Syracuse University e della Chiesa Evangelica Riformata Svizzera (che dal 1827 è proprietaria del cimitero). Sarà un’occasione per conoscere meglio questo storico Cimitero ed il gruppo di americani, per la maggior parte artisti, tra cui il grande scultore Hiram Powers (1805-1873), che in pieno ‘800 decisero di stabilirsi a Firenze, per la sua bellezza ma anche perché considerata città culturalmente evoluta.

Il 13 ottobre è in programma la conferenza della principessa India d’Afghanistan con la proiezione delle foto di Barat Ali Batoor e la presentazione del libro Afghanistan: “Profilo storico di una cultura” di Marika Guerrini, in memoria di Malalai Kakar, la coraggiosa poliziotta afgana uccisa a fine settembre dai talebani davanti alla porta di casa a Kandahar. La principessa India d’Afghanistan, figlia del re Amir Amanullah che regnò dal 1919 al 1929 è adesso Ambasciatrice Onoraria per la cultura e gli aiuti umanitari presso l’Unione Europea, porterà una testimonianza sulla situazione attuale della sua terra e raccoglierà fondi per costruire un pozzo in un villaggio afgano.

Per informazioni www.lyceumclubfirenze.net/index.htm.