domenica, 25 Luglio 2021
Adv Adapex
HomeSezioniArte & CulturaCome sarà la Manifattura Tabacchi...

Come sarà la Manifattura Tabacchi di Firenze dopo i lavori: i rendering

Al via i lavori per la Factory, il cuore della futura Manifattura Tabacchi di Firenze. La fine dei cantieri è prevista a metà 2022. I rendering del progetto

-

Nasce a Firenze un nuovo quartiere cittadino, nell’area della Manifattura Tabacchi, la fabbrica di sigari dismessa nel 2001: i lavori di una parte importante di ristrutturazione di Manifattura Tabacchi, come annunciato dal sindaco Dario Nardella, termineranno entro il settembre 2022. All’interno nascerà un centro culturale, spazi riservati alla creatività e all’artigianato, atelier, uffici, attività, commerciali ma anche nuove piazze e strade tra il parco delle Cascine e il polo universitario di Novoli. Un’area che sarà collegata anche dalla prossima linea 4 della tramvia.

I numeri di Manifattura Tabacchi Firenze

La presentazione della Factory – la parte centrale del nuovo quartiere – è un tassello del recupero totale, entro il 2026, degli oltre 110mila metri quadrati dell’area: si tratta di un investimento di 250 milioni promosso dalla joint venture tra Gruppo cassa depositi e prestiti e Pw Real estate fund III Lp, un fondo gestito da Aermont Capitale e gestito dalla società Manifattura Tabacchi development management. Questa riqualificazione si affianca a quella, già conclusa, dell’edificio B9 della Manifattura Tabacchi di Firenze.

Manifattura Tabacchi: i lavori che cambieranno Firenze

Il ceo di Manifattura Tabacchi Giovanni Manfredi vede l’area come “un polo creativo e produttivo all’avanguardia al quale guarderanno città come New York e Berlino”. Per il sindaco Nardella si tratta del “primo di una serie di progetti che raccontano che Firenze sta cambiando, come una delle città più innovative e creative d’Italia”. L’estate 2022 sarà fondamentale per la città dal momento che sempre Nardella ha annunciato l’avvio della gara di appalto integrato per la linea 4 della tramvia, proprio in coincidenza con la fine del primo lotto di lavori della Factory.

Il progetto di rigenerazione urbana più green d’Italia, dal 2022 casa per i maker di oggi e di domani

Tornando all’area una volta terminati i lavori, nei due edifici esterni (4 e 5) ci saranno al primo piano uffici direzionali e di coworking: al piano terra invece gli spazi potranno essere acquistati o affittati. L’edificio numero 11, quello centrale, ospiterà la nuova sede di Nam (Not a museum) ovvero lo spazio dedicato alla ricerca e sperimentazione per le arti contemporanee: sul tetto di questo edificio sorgerà Officina botanica, il giardino pensile aperto al pubblico. Il progetto prevede anche l’aggiunta della ‘Fabbrica dell’aria‘, ideata dal biologo dell’Università di Firenze Stefano Mancuso.

Ultime notizie