- ADV -
Home Sezioni Arte & Cultura Olafur Eliasson a Firenze: perché vedere la mostra di Palazzo Strozzi

Olafur Eliasson a Firenze: perché vedere la mostra di Palazzo Strozzi

Opere Olafur Eliasson
Foto © Ela Bialkowska OKNO studio

Giochi di luce e installazioni immersive: 3 buone ragioni per vedere la mostra che Palazzo Strozzi dedica a Olafur Eliasson, uno degli artisti contemporanei più interessanti

- ADV -

Con Nel tuo tempo Palazzo Strozzi apre le sue stanze ad uno degli artisti più innovativi e interessanti del panorama contemporaneo, Olafur Eliasson: a Firenze arriva così la più grande mostra dedicata alle sue opere mai realizzata in Italia. Artista a tutto tondo, Eliasson è conosciuto per le sue grandi installazioni site-specific, le sculture, i dipinti e le fotografie ma a Palazzo Strozzi non presenta una retrospettiva bensì un’esperienza tutta nuova. Curata dal Direttore della Fondazione Arturo Galansino, l’esposizione è il risultato di un intervento diretto dell’artista nelle stanze del Palazzo, il primo di questo tipo nel nostro Paese.

Dopo Aria, il progetto di Tomas Saraceno presentato due anni e mezzo fa, Palazzo Strozzi torna ad offrire esperienze immersive capaci di trascendere lo spazio fisico e il tempo. Con Nel tuo tempo, che prende il via oggi 22 settembre 2022 per proseguire fino al 22 gennaio 2023, Eliasson propone infatti ai visitatori un nuovo modo di concepire, interpretare e vivere gli spazi di Palazzo Strozzi e per esteso anche lo spazio sociale che abitiamo.

L’installazione nel cortile di Palazzo Strozzi

- ADV -

Già dal titolo, infatti, si capisce che non sono solo l’opera o l’artista a rappresentare il cuore della mostra, ma anche gli spettatori ne diventano parte integrante e attiva. In questo modo, Eliasson vuole rovesciare il senso tradizionale di una visita al museo: allo spettatore non viene data un’interpretazione di un’opera, un’idea già costruita, fissata nel tempo, ma ogni opera risente della presenza dello spettatore che la interpreta con il suo vissuto, arricchendola e al contempo rendendola molto meno statica e più effimera. Gli spettatori, come gruppo, di fronte alle installazioni di Eliasson si trovano quindi a condividere uno stesso spazio fisico senza dover necessariamente essere d’accordo sul suo senso.

Una peculiarità che si coglie già dall’inizio della mostra, nel cortile di Palazzo Strozzi, dove è stata realizzata l’installazione site-specific di Olafur EliassonUnder the Weather (2022). Un grande pannello ovale realizzato con un particolare effetto moiré che cambia a seconda della prospettiva da cui lo si guarda. Il percorso espositivo prosegue sia nelle stanze del piano nobile che alla Strozzina proponendo in ogni ambiente un’opera diversa da interpretare, da osservare e, soprattutto, con la quale interagire.

La mostra di Olafur Eliasson a Firenze: le opere al piano nobile di Palazzo Strozzi

- ADV -

Al piano nobile, la staticità delle prime 3 sale del Palazzo rinascimentale viene quasi trasfigurata dal gioco di ombre creato dalle installazioni alle finestre. Il fascio di luce che attraversa il vetro proietta sulle pareti delle stanze tutti i dettagli, i graffi, le bolle e le imperfezioni lasciate dal tempo creando una texture inaspettata. Su questa “tela”, irrompono le ombre create dagli spettatori, che si trovano ad osservare se stessi e gli altri come se fossero entità staccate, diverse, in un altro spazio.

La luce, gli specchi e gli spazi rimangono i protagonisti delle sale successive. Da How do you live together (2019), dove un semplice specchio e un arco metallico fanno perdere la percezione della profondità dello spazio, passando per Beauty (1993), dove il continuo scorrere di un fascio d’acqua vaporizzato illuminato su sfondo nero crea un gioco di luci inaspettato, fino a Room of one color (1997), la stanza immersa nella luce giallo-arancione calibrata in modo che l’occhio umano perda la capacità di distinguere i colori, Eliasson offre spunti di riflessione continui sulla percezione personale dello spazio, dell’architettura e degli altri. Il percorso espositivo, benché inviti ognuno nel suo a dare la propria interpretazione alle opere acquista un senso completamente diverso se condiviso e vissuto insieme.

Nella Strozzina un’esperienza immersiva con la reatlà virtuale

- ADV -

Nelle sale della Strozzina, la dimensione immersiva voluta dell’artista diventa completa grazie a Your View Matter (2022), un’opera digitale da osservare attraverso un visore VR, di realtà virtuale. Una volta indossato il casco, il visitatore viene catapultato in un universo parallelo fatto di stanze poliedriche all’interno delle quali è libero di muoversi.

Attraversando i muri virtuali si passa da una stanza all’altra, da colori tenui a colori brillanti, quasi abbaglianti, da forme euclidee a spazi circolari senza dimensione. Una musica accompagna l’avventura ma non copre i rumori della stanza o degli altri visitatori presenti: l’ambiente sotterraneo, raccolto, condiviso offerto dalla Strozzina rimane anche in questo caso parte fondamentale dell’opera di Eliasson.

- ADV -

Il carattere innovativo del lavoro di Eliasson non si trova solo nelle sue opere ma anche nel modo in cui pensa e organizza le mostre. Come artista del suo tempo, lui stesso dice di non sentirsi libero dalle responsabilità che la nostra epoca impone, soprattutto quando si tratta di proteggere lo spazio che ci circonda. Eliasson per molti anni ha concentrato la sua arte nel sensibilizzare sul cambiamento climatico e oggi – che non espone più quelle opere o realizza quelle installazioni – continua a porre una grande attenzione all’impatto che le sue opere o le sue mostre hanno sull’ambiente, cercando di mantenerlo sempre al minimo possibile. “Nel tuo tempo” ha quindi un impatto ambientale contenuto e costantemente monitorato.

Chi è Olafur Eliasson, le informazioni sulla mostra a Firenze, gli orari di Palazzo Strozzi e i biglietti

L’artista islandese-danese Olafur Eliasson (1967) lavora con la scultura, la pittura, la fotografia, i video, le  installazioni e i media digitali. La sua arte è guidata dal suo interesse per la percezione, il movimento, l’esperienza vissuta, i propri sentimenti e quelli della comunità. La sua pratica non è limitata ai confini dei musei e delle gallerie e coinvolge il pubblico attraverso progetti architettonici, interventi negli spazi pubblici, interventi di educazione artistica, sociale e ambientale.

Olafur Eliasson
Olafur-Eliasson. Foto: Lars Borges

La mostra, ideata da Studio Olafur Eliasson, è promossa e organizzata da Fondazione Palazzo Strozzi. Main Supporter: Fondazione Palazzo Strozzi. Sostenitori: Comune di Firenze, Regione Toscana, Camera di Commercio di Firenze, Intesa Sanpaolo, Comitato dei Partner di Palazzo Strozzi.

Dal 22 settembre 2022 al 22 gennaio 2023
Orari: mostra di Olafur Eliasson a Palazzo Strozzi (Firenze) è aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00
Giovedì fino alle 23.00
Ultimo ingresso: un’ora prima della chiusura

  • Biglietto intero: 15€
  • Biglietto open (biglietto valido per un ingresso alla mostra in data e orario a piacere senza passare dalla biglietteria): 20 €
  • Biglietto ridotto: 12€

Più informazioni sul sito di Palazzo Strozzi.

- ADV -