sabato, 28 Marzo 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Murate Art District, crescono i...

Murate Art District, crescono i visitatori: +37% nel 2019

Quasi 34 mila visitatori registrati nel 2019 a Murate art district, il centro di produzione dell'arte contemporanea. Aumentano anche le residenze artistiche

-

Risultati degni di nota a coronare il 2019 di MAD Murate Art District: un anno di soddisfazioni che ha portato un aumento del 37,7% di visitatori (quasi 34 mila) e un incremento del 26,6%  delle residenze d’artista rispetto al 2018. Sono 38 infatti i programmi di residenza attivati nel 2019, con il coinvolgimento di 416 artisti, tra senior e giovani, ai quali si vanno ad aggiungere i 956 studenti che hanno preso parte ai laboratori degli artisti in residenza nelle scuole fiorentine.

Progetti internazionali

L’esperienza del centro di produzione e promozione artistica non si ferma qui, estendendo oltre i confini nazionali l’attivazione di due progetti di residenza presso l’Accademia di Belle Arti di Sichuan. L’obiettivo della collaborazione con Zhong Art International è quello di rinsaldare e dare solidità al progetto che nel 2018 aveva visto l’attivazione di una sola residenza d’artista.

Positivo anche il commento del direttore di MAD Murate Art District Valentina Gensini, che anticipa l’importanza che le residenze avranno nel programma 2020, in cui il primo trimestre si articolerà in una serie di 7 residenze, workshop e corsi di formazione.

Le residenze

Tra le residenze in programma ricordiamo: Lo Scrittore, spettacolo teatrale delle giovani performer e autrici Adelaide Mancuso e Maria Elena Gattuso ed il progetto Sharing Training degli Attivisti della danza, il gruppo indipendente che propone un percorso dedicato ai danzatori professionisti. A seguire il ritorno in Italia di Paola Catarzi, che realizzerà uno spettacolo di danza. Il progetto di residenza LONELY PLANET_Primo studio di Camilla Guarino e Giuseppe Comuniello (non vedente), uno spettacolo che apre frontiere incredibili sulla cecità e sulla possibilità di un riscatto attraverso la danza e la performance. Il programma procede con Il corpo racconta, un progetto di Francesco Gori. Segue, dal 2 al 6 marzo, un laboratorio del danzatore e coreografo spagnolo Diego Sinniger con la creazione di una performance aperta al pubblico, mentre conclude il trimestre il progetto Lupo e rosso a cura di FOSCA, un progetto teatrale che vuole invitare un giovane pubblico ad una riflessione sulla paura, un invito ad entrare in dialogo e in contatto con il lupo, archetipo potente e antico.

I laboratori

Sono attivi da gennaio 2020 4 laboratori dedicati ai giovani artisti e alle persone con disabilità: il laboratorio di formazione per attori tenuto dall’Associazione Culturale Impresa di Fulvio Cauteruccio, L’attore e il suo naso guidato da Marco Di Costanzo al Teatro dell’Elce, Ritratti Immaginari sul teatro sensoriale, condotto da Patrizia Menichelli.
Iniziali, il quarto laboratorio curato e tenuto da Marta Bellu, percorso inclusivo, rivolto a persone con disabilità intellettiva e non, dedicato all’esplorazione ed espressione del corpo, al movimento sensibile e alla differenza.

Gabriele Vagnetti

Ultime notizie

Coronavirus in Toscana: la mappa del contagio e le ultime notizie (27 marzo)

Le ultime notizie sul contagio da coronavirus in Toscana, aggiornamento del 27 marzo: la mappa, il numero dei casi, i dati per provincia

Coronavirus in Toscana: i dati e le notizie del 28 marzo

I dati del contagio restano alti: 252 nuovi casi e 21 morti, ecco le ultime notizie sul coronavirus nel bollettino della Toscana del 28 marzo

Paghi oggi, mangi domani: i dining bonds anche a Firenze

Funzionano come un voucher: lo acquisti oggi e ti godi la cena a fine quarantena. I dining bonds arrivano anche a Firenze e dintorni

“Mascherizziamo il mondo”, una mascherina per tutti

C'è chi ci mette la stoffa, chi l'elastico, chi cuce: "Mascherizziamo il mondo", il progetto per regalare una mascherina a chi ne ha bisogno