lunedì, 23 Maggio 2022
HomeSezioniArte & CulturaMuseo del treno Firenze: in...

Museo del treno Firenze: in mostra il plastico San Giuliano

280 metri quadrati di plastico che prenderanno posto negli spazi dell'ex cinema Ariston nel cuore di Firenze. Ecco il nuovo museo del treno

-

Si iniziano a sentire i primi accenni di fermento per l’apertura di Hzero, il nuovo museo del treno di Firenze che nascerà all’interno degli spazi dell’ex cinema Ariston, ormai chiuso da più di 25 anni, mettendo in mostra il grande plastico San Giuliano. Un luogo che racconterà la storia attraverso le “ferrovie in miniatura”, un museo che si aggiungerà presto agli altri grandi spazi espositivi della città.

Hzero, il museo del treno di Firenze: quando apre

Dopo lunga attesa, l’apertura del museo del treno di Firenze è stata fissata per il 29 maggio 2022. Il primo annuncio sulla nascita di questo luogo risale al 2016, quando il marchese Giuseppe di San Giuliano acquistò l’ex cinema Ariston di piazza Ottaviani, a pochi passi da Santa Maria Novella. L’obiettivo era farne un palcoscenico dove esporre la sua grande opera, il plastico “San Giuliano”, con una dimensione di più di 280 metri quadrati.

A quattro anni dalla sua morte, il sogno del marchese verrà finalmente esaudito, grazie all’impegno del figlio Diego che insieme alle sorelle Giulia e Maria, ha portato avanti questo progetto. Il museo del treno Hzero, sostenuto anche dalla Fondazione Fs Italiane, sarà appunto negli spazi dell’ex cinema, il cui restauro è stato affidato all’architetto Luigi Fragola. Durante i lavori è previsto anche il recupero della cabina Ace di Angiolo Mazzoni, oltre  alla costruzione di alcuni residence di lusso all’ultimo piano dell’Ariston. Il museo del treno Hzero sarà poi dotato di un laboratorio di modellismo e di un’officina in cui portare i propri modellini per eventuali riparazioni.

La storia plastico San Giuliano

Il plastico San Giuliano è un modellino ferroviario in scala 1:87 che ripercorre i paesaggi italiani e non, dal mare alla montagna, attraverso una ricostruzione molto dettagliata. Un progetto enorme che prende vita nel 1972 dalla passione del marchese per il treno e tutto ciò che rappresenta. Lo sviluppo ferroviario è espressione dell’innovazione tecnologica che ha portato con sé e delle milioni di vite che ha accompagnato nel corso della storia.

Il plastico che prenderà posto all’interno del museo del treno di Firenze è uno dei più grandi d’Europa. Con più di 126 treni e precisissimi dettagli, tra cui le Dolomiti e l’Orient Express. Un modo originale di raccontare tutte le esperienze vissute all’interno delle stazioni, dalle partenze agli arrivi, dalle lacrime ai baci degli amanti.

Il servizio di Florence Tv sul museo del treno di Firenze

Ultime notizie