domenica, 27 Settembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Natura collecta, a Firenze ritornano...

Natura collecta, a Firenze ritornano in mostra i prodigi della natura

Minerali rari, animali esotici, conchiglie e piume trasformate in oggetti di lusso. I gioielli della natura sono esposti in San Lorenzo

-

A chi non è successo, davanti a un qualche prodigio del creato, di chiamarlo “gioiello della natura”? Natura collecta, Natura exhibita è la mostra (al Salone Donatello della Basilica
di San Lorenzo) che testimonia la storia del collezionismo scientifico a Firenze, dai tempi dei Medici ai giorni nostri. Una tradizione lunga, oggi in gran parte conservata dal Sistema museale di Ateneo dell’Università di Firenze.

Da lì provengono gli oltre 100 oggetti in mostra, ognuno unico nel suo genere e portatore di una storia diversa. Si perché nei palazzi del potere, fin dai tempi dei Medici, l’espressione “gioiello della natura” veniva presa alla lettera: così i denti di una bestia selvaggia diventavano un bracciale, una conchiglia poteva essere una saliera, un minerale raro si trasformava in una coppa. A corte si accumulava una gran ricchezza di pietre, piumaggi, fiori, frutti raccolti ai quattro angoli del mondo, oggetto di studio e simbolo di potere. 

In mostra a Natura collecta, Natura exhibita

C’è la coppa di quarzo diaspro con su incise le iniziali “LaurMed”, Lorenzo de’ Medici. C’è il mantello fatto con le penne dell’Ibris rubra, un uccello tropicale, che veniva indossato dai sacerdoti del culto del dio Sole della popolazione precolombiana dei Tupinamba, anch’esso donato alla famiglia Medici. E ancora, la coppia di scimmie leonine raccolte da Giuseppe Raddi, inviato dal Granduca al seguito della principessa Leopoldina d’Asburgo, promessa sposa del principe ereditario Don Pedro di Braganza, in Brasile nel 1817, oppure le grandi tele a olio di Bartolomeo Bimbi che raffigurano fiori e frutti, in un affascinante connubio tra arte e scienza.

Le cere anatomiche della Specola di Firenze

La mostra, che aveva chiuso i battenti a causa dell’emergenza Coronavirus, è riaperta al pubblico su prenotazione (il venerdì, il sabato e la domenica) dal 31 luglio e andrà avanti fino alla fine dell’anno. Natura collecta, Natura Exhibita funziona anche come sede temporanea di un altro grande patrimonio fiorentino, le famose cere del Museo “La Specola”, attualmente chiuso per lavori
di restauro. Presenti sia le cere anatomiche che alcune cere botaniche, in parte restaurate grazie al contributo di Fondazione CR Firenze.

Natura collecta Natura exhibita cere Specola
Una delle cere anatomiche della Specola in mostra per “Natura collecta, Natura exhibita”

Una sezione è poi dedicata alla figura del Beato Niccolò Stenone, vescovo e scienziato sepolto proprio a San Lorenzo, con una selezione di oggetti provenienti dalle sue collezioni. La mostra “Natura collecta, Natura exhibita” è organizzata in collaborazione tra l’Università di Firenze, l’Opera Medicea Laurenziana e la Parrocchia di San Lorenzo.

Le informazioni utili

Natura collecta, Natura exhibita

Il collezionismo naturalistico a Firenze dai Medici al Museo di Storia Naturale

Dove: Salone Donatello, Basilica di San Lorenzo (piazza San Lorenzo 9 Firenze)
Quando: fino al 31 dicembre 2020
Orario visite guidate da prenotare: Venerdì e sabato: ore 10.30; ore 11.30; ore 15; ore 16; Domenica: ore 15; ore 16 (Non sono previste visite i giorni 9, 14, 15 e 16 agosto)
Ogni gruppo di visita sarà composto al massimo da 10 persone
Informazioni e prenotazioni: 055-2756444 oppure edumsn@unifi.it
Biglietti: 7 euro, comprende l’accesso alla mostra e la visita alla Basilica di San Lorenzo. 

Ultime notizie

“Cambiare l’acqua ai fiori” di Valerie Perrin. La recensione

Se nei primi capitoli vi sembrerà di saggiare l’acqua con i piedi sul bagnasciuga, scoprirete, man mano che andate avanti, di trovarvi sempre più a largo, nel mare aperto dell’esistenza di Violette

La Fiorentina si fa rimontare e perde a San Siro

Ribery meraviglioso. Disastro Vlahovic

L’Orchestra della Toscana riparte da 20 Intermezzi

Tra la stagione scorsa interrotta dal coronavirus e la prossima ancora da definire, l’Orchestra regionale della Toscana torna sul palco del Verdi con un programma di concerti per l’autunno. 500 i posti disponibili

Inter Fiorentina in tv: Sky o Dazn?

Inter Fiorentina in tv: una partita da non perdere quella in programma alle ore 20.45 a San Siro: ma dove vederla in Tv su Sky o Dazn?