sabato, 19 Settembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Pergola, Regione e Provincia chiamano...

Pergola, Regione e Provincia chiamano Galan. Ma da Roma nessuna risposta

Gli assessori al lavoro di Regione e Provincia, Gianfranco Simoncini ed Elisa Simoni, hanno scritto una lettera al ministro per i Beni culturali Giancarlo Galan per porre alla sua attenzione ''la situazione del Teatro della Pergola di Firenze, in vista del prossimo passaggio dell'immobile al patrimonio del Comune di Firenze''. Chiesto un incontro, ma...

-

Era il 29 aprile quando gli assessori al Lavoro regionale Gianfranco Simoncini e della Provincia di Firenze Elisa Simoni hanno scritto una lettera al ministro per i Beni culturali Giancarlo Galan, per porre alla sua attenzione “la situazione del Teatro della Pergola di Firenze, in vista del prossimo passaggio dell’immobile al patrimonio del Comune di Firenze”.

LA VICENDA. Della vicenda si è discusso in Consiglio provinciale con una risposta dell’assessore Simoni a una domanda d’attualità del consigliere del Pd Adamo Azzarello. Evidenziata dunque a Galan la situazione del personale dipendente del Teatro, “per il quale parrebbe quanto mai opportuno mantenere l’attuale assetto organizzativo fino al completamento delle procedure legate al trasferimento”. Ciò consentirebbe la prosecuzione dell’attività istituzionale del Teatro che viene a sostanziarsi “non solo nel cartellone della stagione, ma anche in tutta una serie di iniziative poste in essere attraverso convenzioni con soggetti terzi, in gran parte pubblici, e per le quali appare indispensabile mantenere un assetto organico che consenta alla Direzione del Teatro di onorare gli impegni assunti”.

ESIGENZE. Queste iniziative troveranno attuazione proprio nei mesi di maggio e giugno, “sicuramente prima del passaggio dell’immobile al patrimonio del Comune di Firenze, per quanto celere esso possa essere, e pertanto si sottolinea l’urgenza di individurare un percorso condiviso che ci consenta di affrontare le problematiche del personale dipendente”. Simoncini e Simoni hanno scritto a Galan di essere “fiduciosi in un suo personale interessamento per venire incontro alle esigenze sopra espresse, disponibili ad approfondire le tematiche poste alla sua attenzione”.

L’INCONTRO. Dopo questa lettera Provincia, Comune di Firenze e Regione hanno chiesto un incontro con un rappresentante del Ministero per discutere della questione. Il primo appuntamento è saltato per l’indisponibilità del rappresentante del Ministero nella data fissata. In seguito sono state inviate altre due lettere allo stesso per sollecitare un incontro, ma non hanno avuto risposta. “Sono convinto dell’utilità del metodo adottatto dalla Provincia insieme alla Regione e al Comune – ha commentato Azzarello – E’ stato messo in campo un monitoraggio convicente e all’altezza della situazione. Tutti conosciamo l’importanza del Teatro della Pergola e ci sta a cuore la sorte dei lavoratori. La preoccupazione sta nel fatto che il Ministero sembra non voler rispondere. L’auspicio è che passata questa tornata elettorale il Governo torni a preoccuparsi di qualcosa di questo Paese, perché alla fine le spese le fanno i lavoratori”.

Ultime notizie

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano

Il concerto dei Bowland a Villa Bardini (in streaming)

Un'esibizione speciale che sarà trasmessa sui social. Lattexplus lancia un nuovo progetto che lega insieme musica e location esclusive

Tessera elettorale smarrita o piena: cosa fare per ritiro, cambio o rinnovo

Persa, danneggiata o rubata: la procedura da seguire per richiedere il documento essenziale al momento del voto