martedì, 22 Giugno 2021
HomeSezioniArte & CulturaProvincia, sarà 'Una primavera per...

Provincia, sarà ‘Una primavera per la pace’

Incontri, conferenze e dibattiti per 'Una nuova primavera per la pace e i diritti umani'. Si tratta di un'iniziativa promossa dalla Provincia di Firenze che nel corso del mese di maggio porterà in venti comuni del territorio fiorentino una serie di eventi con l'obiettivo di rimettere al centro della vita quotidiana i valori di civiltà, tolleranza e solidarietà, in modo da prepararsi al meglio per la Marcia per la Pace Perugia-Assisi.

-

L’iniziativa nasce come risposta all’appello rivolto dal Coordinamento nazionale degli Enti locali per la pace e i diritti umani. Gli incontri verteranno su due filoni tematici principali, quello del conflitto israelo-palestinese e quello sulle guerre africane. Saranno presenti ospiti di rilievo, italiani e stranieri, testimoni diretti di impegno e solidarietà nelle aree segnate da conflitti permanenti.

Per il continente africano sarà presente il giornalista somalo Omar Faruk Osman, presidente della Federazione dei giornalisti africani e membro del comitato esecutivo dell’International Federation of Journalists. Per il Medio Oriente saranno presenti l’israeliano Elay Oren e il palestinese Omar A.I. Alnaser dell’associazione Parents Circle (www.theparentscircle.com), che riunisce i familiari delle vittime del conflitto nel dolore della perdita e nella speranza di un futuro di pace.

“La marcia per la pace Perugia-Assisi – ha commentato il presidente della Provincia Andrea Barducci presentando l’evento – rappresenta un importante momento simbolico, di cui la Provincia di Firenze e i Comuni che ne fanno parte condividono i valori fondamentali di dialogo, accoglienza e solidarietà, che sono alla base di una società giusta e aperta. Promuovere questa importante iniziativa vuol dire portare una testimonianza di quei valori nel nostro territorio. I nostri enti locali – continua il Presidente – sono chiamati a partecipare come protagonisti nella lotta alle ingiustizie, alle discriminazioni e ai conflitti. Una forte risposta c’è già stata attraverso i numerosi progetti di cooperazione decentrata attivati in molti paesi in via di sviluppo. Non resta che continuare con questo cammino – ha terminato Barducci – coinvolgendo i cittadini nel dibattito e nella riflessione. Gli appuntamenti che abbiamo organizzato ne offrono una buona occasione”.

Tra gli altri relatori chiamati ad intervenire, Patrizia Sentinelli, ex Viceministro degli Esteri alla Cooperazione Internazionale; Luciano Scalettari, inviato di Famiglia Cristiana in Africa; Francesco Cavalli, Direttore del “Premio Ilaria Alpi”; il professor Massimo Toschi, ex assessore alla Cooperazione, al perdono e alla riconciliazione tra i popoli della Regione Toscana; Severino Saccardi, Direttore di Testimonianze; Mario Primicerio, Presidente della Fondazione La Pira; Giovanna Ceccatelli Gurrieri, docente di Sviluppo economico, cooperazione internazionale e gestione dei conflitti dell’Università di Firenze.

Ultime notizie