sabato, 28 Novembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Un weekend al museo di...

Un weekend al museo di storia naturale

Weekend di cultura e divertimento per il museo di storia naturale che organizza visite e giochi, novità anche per museobus

-

Sabato 24 luglio, il MuseoBus, che collega due musei dell’area fiorentina in un unico itinerario, permetterà di visitare la sezione di Antropologia e Etnologia del Museo di Storia Naturale (ritrovo in Via del Proconsolo 12, ore 9.30) e il Museo della Paglia e dell’Intreccio a Signa (Via degli Alberti 11).

Il progetto è sostenuto da Regione Toscana e promosso, oltre che dal Museo di Storia Naturale, da Fondazione Scienza e Tecnica – Planetario, Museo Galileo, Museo fiorentino di Preistoria e Museo Marino Marini.

Nel pomeriggio di sabato 24, nel corso dell’iniziativa ‘Florence for family’, il Museo di Storia Naturale organizzerà un divertente Gioco dell’oca: i partecipanti dovranno seguire dei percorsi segnalati da dei cartellini numerati nelle vetrine e rispondere a delle domande (Sezione La Specola, Via Romana, 17, ore 16-17.30).

Domenica 25, nell’ambito della stessa iniziativa, nel Salone degli Scheletri (Sezione La Specola, ore 10.30-12) sarà possibile osservare le dentature dei vertebrati.

Ultime notizie

La Fiorentina sfida la capolista Milan: le probabili formazioni

Prandelli cerca la prima vittoria in campionato. Tornano Ribéry e Callejón: le probabili formazioni di Milan - Fiorentina

Decreto ristori quater: quando esce il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

In arrivo il quarto provvedimento con i ristori per le attività danneggiate dal Covid: il testo del decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale nel giro di pochi giorni

Quanti contagiati oggi in Italia: salgono i guariti, restano altissimi i decessi

I dati del 27 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

“Il guardiano dei coccodrilli” di Katrine Engberg, la recensione

Un libro dallo stile frizzante ed ironico che ci farà calare nelle atmosfere di Copenaghen sin dalle prime pagine e i cui personaggi, alla fine, ci mancheranno