lunedì, 27 Settembre 2021
HomeSezioniCronaca & Politica14 tonnellate di pesce congelato...

14 tonnellate di pesce congelato venduto come fresco

E' stato denunciato per frode alimentare il titolare di un'azienda versiliese, assieme al responsabile del magazzino. Acquistava piccole quantità di pesce fresco e ne rivendeva ingenti quantitativi. Il resto era in realtà decongelato.

-

A scoprire la frode la capitaneria di porto di Viareggio e Marina di Carrara.

Le indagini sono iniziate a seguito di un controllo effettuato presso un grosso esercizio commerciale di Carrara. Durante la verifica, agli uomini della Guardia costiera non sono sfuggiti alcuni esemplari di seppie pulite vendute come fresche che, all’occhio esperto dei militari, non mostravano le caratteristiche tipiche del prodotto fresco.

Insospettiti, i militari hanno provveduto a verificare l’origine del prodotto e sono risaliti allo stabilimento fornitore situato in Versilia che è stato messo sotto controllo. Dagli ulteriori controlli è emerso che, a fronte di piccole quantità di seppie fresche acquistate dal grossista, questi ne rivendeva ingenti quantità. E che invece le quantità di seppie congelate acquistate da una ditta della provincia di Pistoia combaciavano con le quantità di seppie vendute come fresche al supermercato di Carrara.

Il titolare e il responsabile del magazzino della azienda versiliese sono così stati denunciati a piede libero per frode alimentare. La Guardia costiera stima che la quantità di seppie decongelate vendute come fresche possa essere pari a circa 14 tonnellate e che il commercio del prodotto abbia originato un illecito arricchimento per un ammontare complessivo di 140mila euro.

Ultime notizie