sabato, 26 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica A scuola di comicità

A scuola di comicità

Preso l'Eurocentro di Piazza Santo Spirito sono stati inaugurati questa mattina i nuovi corsi di reitazione e scrittura comica organizzati dalla scuola Nazionale di Comicità Massimo Troisi. Alla presentazione hanno partecipato alcuni dei docenti che contribuiranno ala cresicta degli aspiranti attori e scrittori comici. Traquesti Andrea Muzzi, Andrea Savelli e Alessandra Niccolini. La Scuola, finanziata per il secondo anno consecutvo dalla Provincia di Firenze, èstata inaugurata anche dall'assessore alla formazione della provincia di Firenze Elisa Simoni.

-

Tra questi Andrea Muzzi il quale, sempre tra il serio (poco) ed il faceto (molto di più) ha spiegato come si voglia, con la seconda edizione della scuola per attori comici, “cercare di dare forma e continuità ad un progetto nato appena un anno fa ma che è stato molto apprezzato. I ragazzi della prima edizione- ha detto il comico- saranno mandati in giro a recitare al fine di stabilire un contatto diretto col pubblico, cosa che riteniamo fondamentale (e difficile, almeno all’inizio) nel percorso di ogni attore. Questa, che abbiamo chiamato ‘Teatro povero’- ha continuato l’attore fiorentino- è solo una delle iniziative che vogliamo organizzare; prevediamo, infatti, l’allestimento di una SITCOM, il Laboratorio Zelig (al Teatro Cantiere Florida), nonchè la partecipazione dei nostri allievi a programmi televisivi, spettacoli di cabaret e cinema. Si sa che i primi passi sono sempre traumatici per un artista ma il nostro obiettivo- ha concluso il comico- è quello di formare attori e autori e contribuire al loro inserimento in un mondo che rimane (anche per noi) precario”.

Un altro dei docenti della Scuola, Andrea Savelli si è detto “felice di essere qui per il secondo anno consecutivo. Mentre il primo è partito sullo slancio dell’entusiasmo, quest’anno ci vorrà un impegno maggiore nell’organizzazione del lavoro. Siamo contenti che la Provincia abbia giudicato positivamente i nostri corsi e deciso, quindi, di finanziarli anche quest’anno. Per quanto riguarda il corso di scrittura comica, mettiamo a disposizione 15 posti ed un gruppo di docenti che insegnerà a sviluppare una narrazione comica a 360 gradi”.

Le prove di selezione avverranno sulla base di un racconto (anche brevissimo) che gli aspiranti scrittori dovranno portare e che si dovrà distinguere per ironia e brillantezza. La tematica è libera.

La selezione degli attori, invece, avverrà sulla base di un colloquio attitudinale e sull’osservazione dei  loro movimenti nello spazio scenico.

Durante la presentazione ha preso la parola anche Alessandra Niccolini, fino al 2004 docente di Metodo Mimico presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica a Roma, che ha ricordato, dall’alto della sua esperienza, come “un’artista dovrebbe sempre tenere in allenamento la propria espressività, in particolare quella del corpo e della voce, e la propria creatività. A ciò voglio contribuire tramite l’insegnamento del Metodo Mimico”.

Anche l’assessore alla formazione della Provincia di Firenze, Elisa Simoni, ha voluto salutare il nuovo anno della Scuola ricordando che “quello di far ridere, anche se può sembrare una contraddizione, è un mestiere serio e difficile che richiede un impegno molto intenso. Per questo è necessario affrontarlo con l’approccio giusto”.

I corsi sono gratuiti ed i posti disponibili saranno assegnati sulla base delle prove di selezione che avranno luogo sabato 28 marzo alle 9 presso l’Eurocentro. Si inizierà il 30 marzo e si proseguirà fino al 29 maggio 2009.

Altre informazioni si possono richiedere scrivendo a info@scuolanazionalecomici.com o visitando il sito www.scuolanazionalecomici.com.   

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Spid, cos’è e come richiedere il “codice” per i bonus di Inps e governo

Un solo nome utente e una sola password per accedere a tutti i siti: da quelli statali alle Regioni fino ai servizi comunali. Ecco la procedura per richiedere le credenziali uniche

Pin Inps addio: dal 1° ottobre serve lo Spid per richiedere i servizi online

Un piccola rivoluzione per l'accesso al portale dell'Istituto di previdenza: non si potrà più richiedere il Pin