Oltre 25 incontri fino al 17 dicembre intorno al cibo, per “imparare” a consumare nel modo giusto, a sceglierlo in modo consapevole, nel rispetto dell’ambiente naturale, della salute e dei diritti dei lavoratori, valorizzando le produzioni locali, a km zero, biologiche e a basso impatto sul territorio. A leggere le etichette, con un occhio attento ai sapori tradizionali e del resto del mondo, anche attraverso le degustazioni. E’ stato presentato stamani dall’assessore ai nuovi stili di vita e al consumo critico Cristina Bevilacqua insieme ad Elisabetta Torselli de Il Villaggio dei Popoli il calendario di eventi “Se non ora quando? Un mondo diverso comincia adesso” (alcuni appuntamenti sono già partiti) organizzati dall’assessorato agli stili di vita insieme alle 30 associazioni partner e sostenitrici dello Sportello EcoEqauo.

“Sono tanti in temi proposti nel calendario autunnale dal ciclo “Se non ora quando….” e riguardano le buone pratiche per rendere più leggero l’impatto di ognuno sul pianeta. Si parlerà principalmente di alimentazione, è questo il filo conduttore scelto vista l’importanza che ha per la salute e per la qualità della vita. – ha detto l’assessore Cristina Bevilacqua – Informare e incentivare la consapevolezza su prodotti importanti per al vita quotidiana come il latte, sui prodotti del commercio equo e solidale come cacao, caffè e zucchero, sulla capacità di leggere le etichette è il contributo che possiamo dare per avere cittadini sempre più consapevoli”. E proprio di distributori di latte appena munto si è parlato ieri durante un incontro previsto in calendario e che ha visto la partecipazione di molte persone e delle principali associazioni del settore dell’agricoltura e dei consumatori a palazzo Vivarelli Colonna.

“Alla fine dell’incontro abbiamo convenuto di organizzare un tavolo – ha spiegato l’assessore Cristina Bevilacqua – al quale parteciperanno anche la Centrale del latte e la provincia di Firenze in cui si verificherà la possibilità di realizzare l’esperienza dei distributori automatici anche a Firenze. In Toscana sono già in corso 20 sperimentazioni in piccoli comuni e il gradimento da parte dei cittadini è alto”. Gli incontri previsti da giovedì 23 a domenica 26 ottobre si inseriscono nel programma del Festival della creatività alla Fortezza da Basso e riguardano un percorso di assaggi guidati ai prodotti biologici, vegani, equo e solidali.

Nel corso della rassegna che durerà 4 giorni saranno presentate alcune esperienze in corso a Firenze dei Gruppi di acquisto solidale per una spesa cosciente, locale e genuina e il libro “Elogio dello spreco, formule per una società sufficiente”, un’occasione per raccontare un viaggio nell’Italia sostenibile e socialmente responsabile. Ci sarà anche la proiezione del film “The day after Tomorrow” di Emmerich (8 novembre alle 18 al Cinema Castello) in occasione della campagna nazionale “generazione cliama” del WWF, gli appuntamenti su “Forme, sapori e abiti di paesi lontani” (il 13 ottobre, il 10 e 24 novembre alle 18, alla sala delle Vetrate alle ex Murate), la rassegna “Tessere reti di libertà” dove venti associazioni impegnate nella tessitura attraverso laboratori e incontri racconteranno le esperienze locali e di tutto il mondo di imprenditoria femminle.

In occasione della Giornata Mondiale del Non Acquisto (30 novembre, piazza madonna della neve, dalle 15 alle 19), si terrà l’incontro ‘Insieme per imparare a consumare meno e vivere meglio”, con scambi di idee, oggetti e tempo oltre ad animazione per bambini, musica e danze.

Si parlerà di “ecologia a tavola, come nutrirsi senza divorare il pianeta” alla Biblioteca delle Oblate il 6 dicembre (ore 10), di “Etichette e diritti, come districarsi tra le tichette e riconoscere le certificazioni etiche” giovedì 4 dicembre (ore 18, sala delle vetrate alle ex Murate) e di “Acqua in comune. Istruzioni per l’uso” il 17 dicembre (palazzo Vivarelli Colonna, via Ghibellina 30, ore 17,30).

Per informazioni  http://sportelloecoequo.comune.fi.it.