sabato, 24 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Adesca minore con deficit mentale,...

Adesca minore con deficit mentale, arrestato

Ha adescato il ragazzo in centro a Pontedera. In cambio di pochi soldi per le sigarette o di regali scadenti lo ha convinto ad avere rapporti sessuali con lui.

-

Adesca un ragazzo con un deficit mentale e lo convince ad avere rapporti sessuali con lui in cambio di qualche spicciolo per le sigarette. L’uomo, un cinquantanovenne di Pontedera, è stato arrestato.

IL FATTO. L’uomo ha conosciuto il ragazzo nel maggio scorso, durante una passeggiata nel centro cittadino. I due hanno iniziato a scambiarsi delle chiacchiere e sono entrati sempre più in confidenza. Fino al punto che l’uomo ha chiesto all’adolescente, un giovane straniero con deficit mentale, di avere rapporti sessuali con lui in cambio di pochi euro o regali economici e chincaglierie. 

L’ARRESTO. Le indagini sono iniziate dopo la denuncia presentata dai genitori del ragazzo, insospettiti dal cambiamento del suo umore. La polizia ha arrestato l’uomo con l’accusa di induzione alla prostituzione di un minore. Le manette sono scattate in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare del gip di Firenze Paola Belsito. Durante le indagini i poliziotti avrebbero accertato almeno due incontri sessuali, uno dei quali avvenuto nel bagno di un bar.

Ultime notizie

Fiorentina a caccia della vittoria. Al Franchi arriva l’Udinese

L'anteprima di Fiorentina - Udinese in programma al Franchi domenica 25 ottobre alle 18: le probabili formazioni

L’Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze: quando il piatto trae in inganno

In via d'Annunzio nasce una trattoria 'insolita' di nome e di fatto: qui i piatti non hanno niente di canonico o ordinario e sono una continua sorpresa per gli occhi e per il palato.

Vaccino antinfluenzale 2020 in Toscana: quando, dove e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Ludopatia: il Covid non ferma il gioco d’azzardo patologico

Aumentano i giocatori d’azzardo patologici e si temono gli effetti della crisi Covid. Una cura c’è, ma bisogna agire subito