domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Alla Fortezza sbarca Pitti: come...

Alla Fortezza sbarca Pitti: come cambia la mobilità in città

Si parte martedì 8 gennaio con Pitti Uomo e si va avanti fino al 25 con Pitti Filati. Palazzo Vecchio e la polizia municipale hanno predisposto il piano della mobilità: ecco cosa cambia in città.

-

Torna Pitti, cambia la mobilità fiorentina.

LE DATE. Inizieranno martedì 8 e continueranno fino al 25 gennaio le manifestazioni di Pitti Immagine alla Fortezza da Basso. Ad aprire la kermesse sarà Pitti Uomo (dall’8 all’11), seguito da Pitti Bimbo (17-19), mentre sarà come consueto Pitti Filati (dal 23 al 25 gennaio) a chiudere le manifestazione. Il piano della mobilità messo a punto dagli uffici di coordinamento di Palazzo Vecchio di concerto con la Polizia Municipale e i soggetti interessati ricalca in gran parte quello varato per le edizioni precedenti.

IL PIANO. Quindi, per quanto riguarda i provvedimenti di viabilità legati alle esigenze di allestimento degli eventi ospitati all’interno della Fortezza, alcuni divieti sono già scattati come, per esempio, il divieto di transito e sosta in piazza Bambine e Bambini di Beslam con deroga per i mezzi interessati alle operazioni di allestimento/disallestimento e per i taxi. E’ invece consentito il transito degli autorizzati sul controviale, lato Fortezza, da Porta Faenza in direzione di viale Lavagnini. Transito consentito agli autorizzati anche sul controviale interno (lato Fortezza nuova biglietteria) nel tratto tra piazzale Montelungo e l’ingresso principale della Fortezza (Porta Santa Maria Novella). Ancora in viale Strozzi è stato istituito (e sarà in vigore fino al 17 gennaio) un restringimento di carreggiata, tra il semaforo all’altezza di via dello Statuto e viale Caduti dell’Egeo in modo da ricavare lo spazio per la sosta di ciclomotori e motocicli oltre che per un percorso pedonale. I veicoli a due ruote a motore potranno parcheggiare, nei giorni delle manifestazioni, anche sul controviale di viale Strozzi tra la vasca e la carreggiata (escluse) e nel tratto compreso tra il chiosco posto all’uscita della corsia proveniente da piazza Bambine e Bambini di Belsam e il semaforo posto all’altezza di via dello Statuto (con revoca della pista ciclabile). In piazzale Montelungo (fino al 25 gennaio) è revocata la normale area di sosta: i posti sono infatti riservati ai mezzi interessati alle manifestazioni. Dal 18 al 25 gennaio divieti di transito e sosta anche in piazzale Caduti Egeo, con l’eccezione dei mezzi interessati alle mostre.

DURANTE LA KERMESSE. Per quanto riguarda invece la mobilità nei giorni di svolgimento delle manifestazioni, in piazza Bambine e bambini di Beslan (su tutta l’area compresa la rampa di accesso lato Fortezza) potranno transitare in deroga al divieto anche i bus navetta a servizio della mostra oltre ai taxi. In via Fausto Dionisi (dal lato Palazzo dei Congressi nel tratto compreso tra viale Strozzi in direzione di piazza del Crocifisso) sarà istituito un divieto di sosta con deroga per i mezzi NCC. Nella stessa via, all’intersezione con viale Strozzi, sarà istituito anche l’obbligo di svolta a destra, verso via Ridolfi: soltanto i mezzi del trasporto pubblico potranno proseguire verso piazza Bambine e bambini di Beslam. Inoltre i mezzi pubblici che transitano in viale Strozzi, nella corsia di marcia con direzione verso viale Lavagnini posta sul fronte di via Ridolfi, potranno svoltare a sinistra per immettersi nella corsia riservata in direzione di via Valfonda. Sempre nei giorni di svolgimento delle manifestazioni sarà revocata l’area pedonale di tipo B in via Faenza (tratto via Nazionale-via Cennini) con istituzione di divieto di sosta su ambo i lati (che prosegue fino a piazza del Crocifisso): il transito sarà consento ai taxi e ai frontisti con senso unico verso via Cennini. Nel tratto di via Faenza tra piazza Madonna degli Aldobrandini e via Nazionale sarà revocato il divieto di transito ma soltanto per i mezzi del trasporto pubblico. Divieti di sosta anche in via Pratello Orsini (7-11 gennaio) e piazza Adua (7-25 gennaio) su tutto il fronte compreso tra via Valfonda e l’ingresso del Palazzo dei Congressi.

DIVIETI. Inoltre, per esigenze legate all’allestimento/disallestimento della mostra, la vecchia Rampa Spadolini sarà chiusa nei giorni dell’11 e 19 gennaio (dalle 10 fino al termine delle operazioni). Sempre per le operazioni di allestimento/disallestimento nei giorni del 7, 11, 19, 25 gennaio sono previsti divieti di transito, con deroga per i mezzi interessati, in via Caduti di Nassirya (dalle 7.30) e in piazzale Montelungo lato ferrovia (dalle 7): nel piazzale Montelungo la deroga si estende anche ai frontisti, bus Ataf e taxi. Infine, per consentire la sosta dei bus navetta a servizio della manifestazioni, sono previsti divieti in via Mannelli, piazza della Costituzione, via Gabbuggiani, viale Guidoni (anche controviale lato numero civici dispari).

Ultime notizie

La Fiorentina sorride. Battuto il Toro

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: tutti i dati sull’affluenza

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano