domenica, 25 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Ancora fiamme in Toscana

Ancora fiamme in Toscana

Ancora incendi in Toscana, dopo la giornata di ieri, 23 luglio, che ha visto le fiamme a Nocchi (Lu), a Montefiridolfi (FI), a Bronzivalle (Li), a Lano (Firenze) e sul Monte Moneta a Camaiore (Lucca).

-

Canadair ed elicotteri sono al lavoro su alcuni incendi in Toscana, in provincia di Firenze. Le operazioni di spegnimento proseguiranno durante tutta la giornata, a supporto delle squadre impegnate nelle operazioni da terra

Ancora danni quindi per la Toscana che vanno ad aggiungersi al bilancio, già pesante, fornito alle ore 16.30 di ieri dalla Sala antincendi boschivi della Regione Toscana.

In località Villa Campanile, nel Comune di Castelfranco di sotto (Pi) sono stati bruciati 2 ettari e mezzo di robinie, lecci e pini, mentre l’incendio di Iano/ Montaione (Fi), ha bruciato più di 25 ettari di superficie boschiva e nel comune di Camaiore, sulle pendici del Monte Moneta, sono stati invece arsi oltre 5 ettari.

Ieri pomeriggio è inoltre scoppiato un altro incendio in località Nocchi, sempre nel Comune di Camaiore, dove si registra il numero più elevato di roghi. Un primato negativo che si estende all’intera provincia di Lucca, la più funestata dagli incendi boschivi tra le 10 province toscane. Fiamme anche a Montefiridolfi e a Bronzivalle nel Comune di Piombino (Li).

Ultime notizie

Fiorentina a caccia della vittoria. Al Franchi arriva l’Udinese

L'anteprima di Fiorentina - Udinese in programma al Franchi domenica 25 ottobre alle 18: le probabili formazioni

L’Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze: quando il piatto trae in inganno

In via d'Annunzio nasce una trattoria 'insolita' di nome e di fatto: qui i piatti non hanno niente di canonico o ordinario e sono una continua sorpresa per gli occhi e per il palato.

Vaccino antinfluenzale 2020 in Toscana: quando, dove e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Ludopatia: il Covid non ferma il gioco d’azzardo patologico

Aumentano i giocatori d’azzardo patologici e si temono gli effetti della crisi Covid. Una cura c’è, ma bisogna agire subito