martedì, 28 Settembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaAree pedonali e bike sharing...

Aree pedonali e bike sharing per combattere l’inquinamento

Più inquini e più paghi. L'assessore all'ambiente Cristina Scaletti ha illustrato le linee di indirizzo per combattere le emissioni di polveri sottili e quindi “tutelare la salute e la qualità della vita dei cittadini”. Tra i primi punti all'ordine del giorno l'incremento dei mezzi alternativi all'auto e lo studio di un masterplan della mobilità cittadina.

-

PIU’ BIKE SHARING, AREE PEDONALI E CONTROLLI. Tre i piani su cui si articolano le linee d’indirizzo: mobilità veicolare, mobilità alternativa e provvedimenti conoscitivi. E quindi: car sharing, controlli sui veicoli diesel, sostituzione mezzi inquinanti del trasporto pubblico locale, piste ciclabili, bike sharing, veicoli elettrici, aree pedonali.

UN MASTERPLAN DELLA MOBILITA’. “Vorrei sottolineare – ha detto l’assessore all’ambiente – il gruppo interdisciplinare che si andrà a costituire fra gli assessorati all’ambiente, alla mobilità e allo sviluppo economico con l’obiettivo di verificare la fattibilità e l’attuabilità di un masterplan della mobilità per il territorio fiorentino entro il giugno 2010 ispirato ai criteri delle direttive dell’Unione Europea. Inoltre ritengo fondamentale lo studio conoscitivo, seguente a ogni provvedimento che ci permetta di valutare l’efficacia del provvedimento stesso”.

IDEE DA COPIARE. Infine uno sguardo ad altre esperienze come Stoccolma, Londra o Milano: “Per Firenze – ha concluso l’assessore Scaletti – pensiamo a un modello integrato con l’obiettivo di disincentivare i veicoli più inquinanti. Personalmente apprezzo il criterio anglosassone secondo il quale l’auto va usata solo quando ne abbiamo realmente bisogno”.

Ultime notizie