giovedì, 4 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Arriva la "Mille Miglia"

Arriva la “Mille Miglia”

La Mille Miglia approda a Firenze. Sabato 16 maggio, le auto storiche partecipanti alla celebre competizione sfileranno in centro nel pomeriggio. Ecco tutte le modifiche previste a sosta e viabilità.

-

La Mille Miglia arriva a Firenze: l’appuntamento è sabato 16 maggio. Le auto storiche partecipanti alla celebre competizione, nel pomeriggio, sfileranno in centro, con conseguenti provvedimenti di circolazione.

Saranno istituiti, dalle 7, divieti di sosta con rimozione coatta in viale Machiavelli (nello slargo di fronte a via Farinata degli Uberti) e piazzale Galilei (su tutto il fronte posto sulla direttrice viale Galilei-viale Machiavelli lato statua).

A partire dalle 13.30 e fino alle 17, inoltre, sul percorso delle auto (da Porta Romana a via Bolognese passando per il centro storico) saranno istituiti divieti di transito al passaggio. Infine, viale Machiavelli diventerà a senso unico verso da piazzale Galilei verso piazzale di Porta Romana (deroga per i bus Ataf, i mezzi di polizia e di soccorso).

Ultime notizie

Zona arancione rafforzata: significato e regole della fascia “arancio scuro”

Si allarga nuova fascia di rischio: ecco dove è in vigore, il significato di "zona arancione rafforzata" o "zona arancione scuro", cos'è e le regole per capire cosa si può fare e cosa no

Dove, come e quando fare il vaccino anti-Covid in Toscana

La prenotazione e il calendario, l'efficacia e gli effetti collaterali: tutto quello che c'è da sapere prima di fare il vaccino anti-Covid in Toscana. La nostra guida: dove, quando e come

Cosa cambia in Toscana con il nuovo Dpcm Draghi (marzo 2021)

Scuole, bar, centri commerciali e parrucchieri: cosa prevede il nuovo Dpcm di Draghi in vigore dal 6 marzo 2021 e cosa cambia in Toscana

Museo della lingua italiana a Firenze: vicina la partenza dei lavori

Nascerà nel complesso di Santa Maria Novella. Firmato l'accordo tra il Comune di Firenze e il Ministero dei Beni e le attività culturali per il primo Museo della lingua italiana